GP Brasile F1 2017, libere Mercedes. Hamilton: “Siamo in una posizione discreta”

Mercedes a dettare il ritmo a Interlagos. Hamilton soddisfatto del lavoro del venerdì, pur con le gomme che consentono solo uno o due giri veloci

da , il

    GP Brasile F1 2017, libere Mercedes. Hamilton: “Siamo in una posizione discreta”

    Un venerdì come tanti altri, quello delle libere Mercedes a Interlagos. Il dominio di Lewis Hamilton si riflette nella miglior prestazione e in un passo gara che, in vista del Gran Premio del Brasile F1 2017, preoccupa gli avversari. Con gomma morbida non ha avuto rivali, il ritmo da 1’12″ medio – iniziato da 1’12″1 e mai sopra l’1’12″7 – la dice lunga sulla superiorità espressa in pista. Degrado e usura inesistenti. Un po’ di blistering al mattino, sulla macchina di Bottas e gomma supersoft, eliminato al pomeriggio. Il finlandese segue nella classifica dei tempi a pochi millesimi, molto più marcato il divario nell’analisi del passo gara, pur interessante per Valtteri, da 1’13″ basso con gomma supersoft.

    E le parole di Lewis confermano come sia stata ordinaria amministrazione, il venerdì di libere: «E’ stata una buona giornata. E’ stato emozionante andare in pista con le macchine così più veloci quest’anno. E’ fisicamente più impegnativa che in passato Interlagos, ed è grandioso. Ovviamente là fuori faceva piuttosto caldo oggi». CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web le gara del GP Brasile F1 2017 con risultati e classifica

    Giro più veloce di sempre che è stato cancellato al mattino. L’1’09″8 di Barrichello resisteva dal 2004. Poi al pomeriggio, causa pista più calda e lenta, i tempi non sono arrivati al riferimento del mattino, il migliore di giornata: 1’09″202. «Abbiamo effettuato long run e run brevi, sfortunatamente le gomme non durano molto e hai solo uno o due giri buoni per fare il tempo. In generale, abbiamo fatto tutto quel che dovevamo, ci troviamo in una posizione discreta ma credo sarà una battaglia ravvicinata», commenta Lewis.

    Positività replicata da Bottas, che scende nel dettaglio del lavoro fatto al mattino, rivolto al 2018: «Abbiamo condotto dei rilevamenti aerodinamici, controllando certe cose da migliorare per l’anno prossimo. Adesso abbiamo dei dati da analizzare». Sul programma del week end, mirato alla preparazione del gran premio, aggiunge: «Credo che sia i run brevi che quelli lunghi in entrambe le sessioni siano parsi positivi per noi. Abbiamo una buona base di partenza per il week end. Ci troviamo ancora un po’ in difficoltà per centrare l’assetto su ogni curva, comunque mi sono davvero divertito in pista e non vedo l’ora di proseguire il week end».