GP Brasile F1 2017, qualifiche Red Bull. Verstappen: “Speravo d’essere più vicino a Ferrari e Mercedes”

Red Bull in difficoltà con la tenuta delle power unit Renault e la polemica tra Toro Rosso e il fornitore da gestire. Verstappen e Ricciardo in ombra

da , il

    GP Brasile F1 2017, qualifiche Red Bull. Verstappen: “Speravo d’essere più vicino a Ferrari e Mercedes”

    Del week end paulista, in casa Red Bull, resterà il clima di tensione con Renault, tramite Toro Rosso. Le qualifiche del GP del Brasile F1 2017 non riservano soddisfazioni a Verstappen e Ricciardo, mai in grado di impensierire Mercedes e Ferrari. La necessità di cambiare la MGU-H con una vecchina, sulla macchina di Verstappen, la sostituzione con arretramento per Ricciardo, i timori di tenuta della power unit: in gara si andrà con tanti interrogativi, la decima posizione di partenza di Ricciardo, dalla quinta maturata sul campo. E i piloti sono i primi a non attendersi grandi soddisfazioni in gara. Il passo della simulazione al venerdì non permette di sognare il podio, anzi: attenzione alla rimonta di Hamilton.

    Le difficoltà a Interlagos sono iniziate dal mattino, dalle libere 3, forse per il clima più fresco sull’asfalto, gli oltre 20° in meno di temperatura. «Penso che le qualifiche siano andate un po’ meglio ma non bene come volevamo, mi aspettavo Ferrari e Mercedes con queste performance, speravo però di essere più vicino», commenta Verstappen. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web le gara del GP Brasile F1 2017 con risultati e classifica

    Se nel settore centrale la macchina può esprimersi al meglio, salvo il sottosterzo che ha condizionato Max, nel primo e secondo settore è il deficit di potenza a pesare. «Non è una pista favorevole del tutto per noi. Non credo sarà come in Messico, spero di poter fare qualcosa a inizio gara ma sarà difficile batterli». La posizione di partenza permette azzardi al via, però varrà poco con le difficoltà nel settore conclusivo, a prestare un facile fianco all’attacco.

    Ricciardo fa una fotografia ancor più chiara del quadro dei valori: «Dopo ieri, la Ferrari ha trovato tanto miglioramento, Mercedes è sempre così, noi abbiamo perso tanto e ancora non so perché. La macchina non è cambiata tanto, ma con le gomme supersoft in Q3 non andavo, ero più contento con le soft. Inizierò in gara con questo set e spero domani vada meglio». Deve puntare su una strategia alternativa, sperando accada qualcosa. E la sceneggiatura del film in gara è, come sempre, divertente. Scherza Daniel, e dice, prima con serietà, sulla strategia: «Spero di fare i primi 30-40 giri, poi box per le supersoft.»; poi: «Dopo entra una safety car e spacco tutto. Il podio è lontano ma con questa strategia è possibile!».