GP Canada F1 2015, prove libere Mercedes. Rosberg: “Attenti alle Ferrari”

Hamilton sugli scudi e qualche errore di troppo, Rosberg avverte il "pericolo Ferrari". Le parole dei piloti dopo le prove libere del Gran Premio del Canada.

da , il

    Il vero vantaggio delle Mercedes nel Gran Premio del Canada 2015 potrebbe essere tutto nella capacità quasi immediata di far funzionare le gomme, rispetto a una Ferrari che è sembrata impiegare più tempo per mandarle in temperatura. Basta guardare al miglior giro di Raikkonen con le supermorbide, arrivato all’ottavo passaggio, contro i quattro giri necessari a Hamilton – che pure aveva staccato tempi ancora più veloci nel primo giro lanciato, salvo poi commettere un errore -. La pole resta utopia, in gara invece si potrà lottare e giocarsi le proprie carte. Per seguire il LIVE delle qualifiche del Gran Premio del Canada, BASTA CLICCARE QUI!

    Le parole dei protagonisti

    Fanno notare a Hamilton che ha sbagliato più del solito oggi, un testacoda nelle libere 1, un taglio di chicane al pomeriggio e l’incidente sul bagnato, causa aquaplaning al tornantino, innescato dalla scelta errata di montare le intermedie. «Ho fatto tre errori oggi, è vero. Quello sul bagnato è stata colpa mia, non andavo forte ma sono andato nella parte più bagnata in curva 10. Poi il testacoda, si è bloccato il posteriore per l’ICU (il motore termico, lasciando intendere un problema nel recupero dell’energia; ndr) e ho perso il retrotreno. L’altro errore, ho frenato tardi… stavo spingendo. Non voglio una rivincita, non ho nulla per volerla. Devi lavorare per cercare di andare sempre più veloce, in quel giro ho spinto più che potevo nell’ultima curva, perché si può guadagnare molto in quel punto». Tutto relativamente sotto controllo, quindi.

    | LEGGI ANCHE: CRONACA PROVE LIBERE 1 | PROVE LIBERE 2, LA CRONACA | FERRARI: PILOTI CAUTI, MOTORE OK |

    Dall’altro lato del box c’è un Rosberg attardato di 4 decimi, chiamato a lavorare per colmare il gap in vista delle qualifiche. Dice la sua sugli errori del compagno di team e non solo, suggerendo un’attenzione particolare sulle Rosse, che in qualche modo mettono un po’ di paura: «Oggi sono le prove, si deve andare oltre il limite per vedere come va la macchina. E’ stata una giornata buona, ho imparato tante cose per qualifiche e gara, dobbiamo stare attenti alle Ferrari, sono vicine».