GP Canada F1 2015: riecco le gomme Supersoft per tattiche thrilling

Pirelli porta anche a Montreal la mescola più morbida della gamma 2015, sarà capace di regalare un altro finale a sorpresa?

da , il

    La Pirelli conferma la scelta di portare al Gran Premio del Canada di Formula 1 2015 le mescole Soft e Supersoft come negli scorsi anni. Questa configurazione, in abbinamento all’ostico circuito di Montreal, rappresenta un insieme di ingredienti unico per mettere sul piatto delle aspettative una gara spettacolare, combattuta e dal potenziale finale a sorpresa. Per seguire il LIVE delle qualifiche del Gran Premio del Canada, BASTA CLICCARE QUI!

    GP Canada: più opzioni per le strategie

    La caratteristica del circuito di Montreal è di non avere curvoni veloci che richiedono appoggio e aderenza ma di essere una pista sostanzialmente da frenate e accelerazioni che mettono in crisi soprattutto la trazione anche a causa del fatto che le monoposto hanno assetti molto scarichi per privilegiare le velocità di punta lungo i rettilinei. Le mescole scelte dalla Pirelli, P Zero Yellow soft e P Zero Red supersoft, quindi, sono le più morbide della gamma 2015. Sono le stesse usate a Montecarlo sebbene il tracciato che si snoda lungo il perimetro dell’isola di Notre Dame abbia caratteristiche totalmente diverse. Non a caso, se a Monaco la sosta unica era un’opzione quasi scontata (per tutti tranne che per un Hamilton in versione autogoal), in Canada ci sono tante soluzioni diverse che possono essere prese in considerazione e che, grazie anche alla facilità con la quale la safety car viene chiamata in causa, lasciano presagire una corsa incerta fino all’ultimo giro.

    Pirelli: “I team apprezzeranno la Supersoft”

    “Spesso vediamo in Canada una delle gare più interessanti del campionato, grazie anche alle caratteristiche del circuito che sono abbastanza uniche - ha dichiarato Paul Hembery sul sito ufficiale della Pirelli - La storia del GP dimostra che è possibile vincere anche partendo indietro sullo schieramento, e questo può avvenire grazie a una strategia particolarmente efficace o anche a seguito della pioggia o di uno o più interventi della safety car, il che a Montreal è più frequente che altrove”. Il Direttore Motorsport Pirelli ha ricordato che la gomma supersoft in versione 2015 è stata completamente rivista rispetto a quella dell’anno precedente sia in termini di struttura che di mescola:“E’ destinata a garantire le solite alte prestazioni ma con la garanzia di maggiore resistenza al graining e al blistering. Spesso a Montreal si corre con basse temperature, e una maggiore resistenza al graining dovrebbe essere apprezzata dai team”. Ultima citazione la merita il capitolo delle tattiche:“Dato l’alto livello di fattori imprevedibili, il Canada premia di solito una strategia flessibile, capace di consentire a un team di cambiare rapidamente al variare delle condizioni. E a Montecarlo abbiamo visto che cambiamenti repentini di strategia sono spesso in grado di variare il risultato”, ha concluso Hembery. Ricordiamo che lo scorso anno il GP del Canada è stato vinto Daniel Ricciardo con la Red Bull. L’australiano ha preso la testa della corsa a soli due giri dalla fine sfruttando alcuni problemi tecnici delle Mercedes ma anche le gomme più fresche montate nel finale dopo l’ingresso in pista della seconda safety car. Parallelamente, anche Nico Hulkenberg ha ottenuto un ottimo quinto posto cambiando solo una volta gli pneumatici e passando dalle Soft alle Supersoft.