GP Canada F1 2016, Ferrari sbaglia strategia. Vettel: “Week end grandioso, non indico colpe”

Le due fermate ai box non sono la scelta giusta. Vettel velocissimo, più difficoltà per Raikkonen

da , il

    GP Canada F1 2016, Ferrari sbaglia strategia. Vettel: “Week end grandioso, non indico colpe”

    Come sarebbe andata con un’altra strategia? Soliti discorsi col senno di poi da fare sulle scelte della Ferrari nel Gran Premio del Canada. Si fermano insieme Vettel e Raikkonen, il tedesco leader della gara decide di fare la sosta sotto Virtual Safety Car, ma dura troppo poco e con due soste da effettuare non c’è stata la chance di riprendere un Hamilton, fortissimo a gestire le coperture, fare una sola sosta e rispondere ai giri veloci di una Vettel al quale non sono bastate gomme più fresche per riprenderlo. E’ Kimi Raikkonen a svelare come si sia partiti sin dall’inizio con in mente una tattica su due pit: «Il piano originario era delle due soste, quello che la squadra ha pensato fosse quello giusto, non saprei visto il risultato finale, non so se sarebbe andata diversamente con un’altra strategia».

    Con questo scenario, approfittare della VSC è stata una mossa giusta per non perdere troppo tempo, dovendo anche gli altri in pista rallentare, ma è arrivata troppo presto per avere un concreto vantaggio. Purtroppo, è stata tolta esattamente nel momento in cui Vettel è rientrato al box. «Col senno di poi no, non è stata la strategia giusta. In quel momento lì, con il degrado delle gomme, sì. Non puoi essere soddisfatto, ma devi guardare avanti. Indipendentemente dalla velocità deve esserci la vittoria», commenta Maurizio Arrivabene. Di positivo c’è la velocità con una pista fredda, la Ferrari è riuscita a essere competitiva, almeno quella di Sebastian, per Kimi Raikkonen, tante difficoltà in più, troppe: «Non è stata una gara semplice, non ho fatto la migliore delle partenze, poi ho mantenuto la posizione, in curva 2 c’era una Mercedes fuori, poi una Red Bull, ho faticato, è stato difficile tenere le gomme nella giusta finestra. La macchina è andata bene, con condizioni fredde fatichiamo a far funzionare le gomme in gara, in alcuni giri vanno, poi sembrano uscire dalla finestra e fatichi maggiormente».

    Leggi anche | Trionfo Hamilton, Ferrari recrimina sulla strategia

    «Loro sono stato un po’ troppo veloci, questo è stato il problema. Il week end è stato grandioso, il primo giro un po’ difficile, c’era molto vento da dietro, forse abbiamo sbagliato nello scegliere una strategia un po’ diversa, Lewis ha fatto benissimo e le sue gomme sono durate più di quanto ci aspettassimo e anche con gomme fresche non siamo riusciti a ridurre il gap. La macchina ha del potenziale, l’abbiamo sprigionato», spiega Vettel a caldo.

    L’analisi sulla strategia si fa più articolata: «Lewis si è fermato dopo e ha potuto scegliere se fare la nostra strategia o fermarsi solo una volta. Noi abbiamo sbagliato nello scegliere due soste, pensavamo che fossero le più veloci ma abbiamo perso una posizione e non ci aspettavamo che le ultrasoft e le soft sarebbero durate così tanto. Siamo riusciti a essere veloci fino alla fine, il degrado non è stato così incisivo ed è lì che abbiamo perso la corsa, ma voglio essere chiaro: non più piace indicare colpe. Questo è stato il primo week end pulito e mi sono goduto la gara parecchio, pur senza il risultato sperato. Gli ultimi 30 giri ho spinto al massimo, anche troppo in certe occasioni, è stato grandioso».