GP Canada F1 2017, Ferrari. Vettel: “Abbiamo perso l’occasione per una sosta gratis”

I risultati del Gran Premio del Canada F1 2017 vedono la Ferrari perdere la testa del mondiale Costruttori. Vettel limita i danni, Raikkonen con problemi ai freni nel finale

da , il

    GP Canada F1 2017, Ferrari. Vettel: “Abbiamo perso l’occasione per una sosta gratis”

    Battuta a vuoto per la Ferrari nel Gran Premio del Canada F1 2017. Dalla sbornia Rossa di Monaco si passa a una Montreal difficile, per gli eventi accaduti in partenza, dove Bottas e Verstappen hanno avuto la meglio su Vettel. I danni all’ala anteriore, causa porta chiusa di Verstappen dopo essere andato all’assalto della posizione, hanno condizionato tutta la gara di Sebastian, che riesce a limitare i danni e collezionare 12 punti che lo vedono arginare il recupero di Hamilton, adesso a 12 punti di ritardo nel mondiale Piloti.

    Raikkonen ha corso una gara opaca, tra errore iniziale e problemi tecnici nel finale, quando ha dovuto armeggiare sul volante e cercare le regolazioni indicate dal muretto. E’ settimo. Nel mondiale Costruttori la doppietta Mercedes consente il sorpasso in testa alla classifica, 8 punti davanti alla Ferrari, adesso.

    «Credo che la mia partenza non sia stata buona ma nemmeno così negativa. Sono stato un po’ sorpreso da Valtteri: non capito dove volesse andare, c’era poca aderenza all’interno, si può discutere anche su Max», dice Seb guardando al via.

    Ma è sulla decisione di non rientrare immediatamente, quando l’ala anteriore era già evidente fosse danneggiata e non avrebbe potuto reggere ulteriormente, che si concentra Seb: «E’ uscita la safety car non ci siamo accorti che avevamo un guasto e abbiamo perso l’occasione di fare una sosta gratis. Alla fine è stata una bella rimonta, peccato per il podio mancato».

    GP Canada 2017: Hamilton domina, Vettel recupera

    C’è la delusione per quel che sarebbe potuto essere e non è stato. Una gara nella quale limitare i danni, pur consapevoli di poter andare a vincere, come hanno certificato le prestazioni espresse. «E’ una di quelle giornate così, la rimonta è stata buona visto che eravamo ultimi, la macchina non andava male, c’era qualche danno con il fondo, ma la macchina era veloce. Non è il risultato che il team e la macchina meritavano oggi. E’ chiaro, credo, che potevamo arrivare più in alto del quarto posto, però è lì che abbiamo chiuso. C’era più potenziale certo, a volte le cose vanno così, sappiamo di avere una macchina competitiva e che possiamo migliorare. Abbiamo avuto sfortuna in partenza, poi c’è stata la safety car ma abbiamo pagato una sosta piena».

    Kimi Raikkonen, invece, sgombra il campo dai problemi che sembravano aver colpito la Ferrari SF70H, i danni al fondo piatto per l’uscita di pista in curva 7, nella quale è stato superato da Ocon. «Ho avuto tanto pattinamento al via, abbiamo perso posizioni, poi ho avuto un brutto spavento (curva 7. E’ stato difficile superare, abbiamo faticato a mandare le gomme in temperatura. Una volta trovata la velocità stavamo recuperando, un problema ai freni poi ha chiuso una giornata complicata. Non credo d’aver perso carico, le condizioni erano complicate ma la macchina credo fosse a posto, sono passato un po’ sull’erba e ho perso una posizione, ma c’era una buona velocità. Negli ultimi 10 giri non avevo freni e ho semplicemente dovuto portare la macchina al traguardo. Non è stata una giornata semplice per il team, a volte le cose vanno così e bisogna prendersi il risultato che abbiamo ottenuto stavolta e sperare di essere davanti alla prossima».