GP Canada F1 2017, libere Ferrari. Vettel: “Ho capito cosa serve alla macchina”

Le prove libere del GP del Canada F1 2017 restituiscono una Ferrari in forma. Qualche sbavatura di troppo per Vettel, che assicura aver messo insieme tutti i pezzi per capire come migliorare

da , il

    GP Canada F1 2017, libere Ferrari. Vettel: “Ho capito cosa serve alla macchina”

    Va in archivio con le giuste sensazioni, dall’esterno, il venerdì di prove libere del GP del Canada F1 2017 della Ferrari. Sensazioni di una SF70H competitiva a Montreal, di un Kimi Raikkonen molto veloce e subito in grado di ottenere un tempo nella simulazione di qualifica, poi migliorato. Dovrà ripetersi in qualifica, una Montecarlo bis sarebbe straordinaria ma dovrà fare i conti con un Sebastian Vettel alla ricerca del limite, nelle due sessioni di libere.

    La pista evolverà notevolmente, tutti ne trarranno beneficio dai livelli di grip superiori. Sbavature frequenti hanno visto Vettel girarsi e andar lungo, prendere le misure e “capire” una SF70H che si è espressa su livelli altissimi anche nella simulazione di passo gara. Ha percorso un unico stint con le supersoft il tedesco, diversamente da Raikkonen, che ha provato ultrasoft e supersoft. Velocità diffusa con entrambe le mescole, prospettive rosee anche in ottica gran premio. Clicca qui per seguire LIVE in diretta web lagara del GP Canada F1 2017 con risultati e classifica!

    L’obiettivo, intanto, è partire il più avanti possibile. «Proviamo tutto per andare in pole e portare la macchina in prima fila. E’ stata una giornata dalle sensazioni miste, verso la fine credo d’aver capito cosa ho bisogno io e cosa serve che faccia la macchina. La pista era molto sporca e scivolosa, è stato molto interessante», spiega Sebastian. Nel corso della simulazione gara, poi, si è trovato rallentato da Hamilton e ha manifestato via radio il disappunto.

    «E’ stato un po’ fastidioso perché sono rimasto bloccato, volevo capire cosa poteva fare la macchina su più giri, prendere un buon ritmo, mi sono preso del gap, poi però ho fatto un errore e mi ha rotto un po’ il ritmo ma verso la fine credo d’aver capito cosa serve alla macchina», ribadisce il tedesco.

    Libere 2: Raikkonen in testa, Hamilton insegue

    Non si esalta dopo un venerdì al top, come suo solito, Kimi Raikkonen. Primo tassello per costruire un buon week end al suo posto, adesso dovrà continuare a crescere nelle libere 3 e massimizzare il potenziale in qualifica.

    «E’ solo venerdì, ovviamente le cose sono andate lisce, è stato un venerdì normale, con sensazioni positive e abbiamo fatto il nostro lavoro, cercheremo di migliorare domani. Qui è sempre molto complicato, il circuito richiede più carico nel settore centrale, molto meno in altri. C’è sempre del margine di miglioramento, vedremo cosa accadrà domani. Proveremo ad andare il più veloce possibile, dipenderà anche da cosa faranno gli altri, non ho idea come finirà domani, abbiamo fatto le cose normalmente e vedremo come andrà».