GP Cina F1 2013, Massa carica la Ferrari: “Il passo gara è molto buono” [FOTO]

Le reazioni dei piloti dopo le prove libere del Gran Premio di Cina 2013 sono unanimi: le Pirelli morbide durano troppo poco

da , il

    Gran Premio a Shanghai, le prove

    Due sessioni di prove libere nel Gran Premio di Cina 2013 finora son servite a mettere tutti d’accordo su un punto: le gomme Pirelli morbide saranno problematiche da gestire in gara.

    Poi c’è il gioco di chi è già a posto e chi, invece, deve ancora lavorare alla ricerca del miglior assetto. Ha sorpreso un po’ la prestazione monstre di Felipe Massa: un giro perfetto per guardare tutti dall’alto in basso, ma il brasiliano non si sbilancia. Ha provato anche alcune novità sulla F138, arrivata in Cina con tante piccole modifiche, non stravolgimenti ma affinamenti. Che voto dare al lavoro in fabbrica? «Le novità stiamo ancora analizzando», dice dopo le libere del pomeriggio. Poi si scende nel dettaglio di come si comporta la monoposto: «Con la gomma media andava bene ma non come con le morbide, quando la macchina è cambiata completamente. Il passo gara è davvero buono con entrambe le mescole. Sono rimasto impressionato da una gomma all’altra per quanto sia migliorato».

    Tutto lascia ben sperare per una qualifica da protagonisti, perché la prestazione è riuscito a tirarla fuori al primo giro, essenziale domani nella Q3. La lotteria riguarderà la prima porzione di gara: quanto riuscirà a resistere con le morbide? E’ una Ferrari in grado di ambire al bottino grosso? «Guardando quanto abbiamo migliorato il tempo e com’era la macchina sul ritmo gara, è fantastico così. Quando avevamo meno benzina con le soft ho fatto un tempo impressionante e sul passo l’usura c’è come tutti gli altri ed è accettabile». In 10 giri è passato dal 1’41″3 a 1’43″9. Decisamente un venerdì positivo dalle prime reazioni.

    Mercedes in agguato

    La minaccia più pericolosa al momento arriva dalla Mercedes, al vertice con Rosberg nella sessione del mattino e competitiva anche al pomeriggio, nonostante il tempo di Hamilton, rallentato da Hulkenberg nel giro buono sulle morbide. L’inglese è critico con la Pirelli quando afferma: «Si, sono andato abbastanza bene. Non so se possiamo vincere ma faremo del nostro meglio. La scelta delle gomme morbide è estrema, non so perché ma non sembra la gomma giusta per questa pista. Ho fatto alcuni giri e si sono disintegrate, è qualcosa piuttosto inusuale. Credo che il passo mio e di Nico fosse piuttosto competitivo oggi: lui è riuscito a fare il giro veloce, io ho incontrato del traffico ma sono sicuro saremmo stati là davanti».

    Quanto è da prendere sul serio la Mercedes per la gara? Tanto. Rosberg ha coperto 13 giri partendo da 1’42″ e chiudendo a 1’44″3, con un ritmo sul 1’43″; stessa cosa Hamilton, 14 giri da 1’42″7 a 1’46″8 e costanza sul 43″ medio-basso.

    Red Bull non ancora a punto

    E in casa Red Bull che aria si respira? Webber è più contento del comportamento della macchine rispetto a Vettel, intenzionato a studiare attentamente i riscontri del venerdì per migliorare la gestione delle gomme morbide. «Non siamo ancora dove vorremmo essere, c’è del lavoro da fare sulle gomme e le morbide non durano molto – 5 o 6 giri – mentre le medie vanno già meglio. Al pomeriggio abbiamo avuto qualche difficoltà in più, con il ritardo dai primi un più alto di quanto avrei voluto. Non è un disastro, sappiamo cosa occorre fare. Al momento non ho una risposta, ma guarderemo a cosa abbiamo fatto e analizzeremo la sessione», dice il tedesco. Non ha mai provato effettivamente il long run con gomme medie, visti i 9 giri sulle morbide, con tempi da 1’45″6 a 1’47″8.

    Webber si è impegnato nell’analisi della mescola più dura, effettuando 14 giri con un passo sul 1’43″ e commenta così: «[Le gomme morbide] vanno bene per un giro, poi diventano difficili da gestire. Esamineremo le prestazioni e proveremo a capire come farle funzionare al meglio per il long run. E’ stata una buona giornata, dovremo lavorare ancora sulle gomme ma la macchina non sembra andar male».

    La Lotus ha saputo copiare i rivali diretti e Grosjean testimonia la bontà della E21 con gli 8 giri costantemente sul 1’43″, prestazioni tra l’altro replicate anche dalla Force India di Paul Di Resta. Sutil, invece, ha commentato: «Sono contento per come sono andate le cose oggi, non ci sono stati grossi problemi e abbiamo provato molte cose sulla vettura, soprattutto nel campo aerodinamico. Quanto alle gomme c’è una grande differenza tra le mescole, con le medie che vanno meglio delle morbide».

    Continua il Fanta F1 di Derapate!

    fantaf1

    Ricordati di giocare al nostro FANTA F1!. Il gioco consiste nell’indovinare la pole position e i primi 8 classificati di ogni Gran Premio di Formula 1. Pensi di poter azzeccare il pronostico? Allora cosa aspetti: clicca qui per partecipare, , mentre se vuoi leggere il regolamento, lo trovi in quest’altro link. Cosa aspetti: il Fanta F1 aspetta solo te!