GP Cina F1 2016, anteprima: Ferrari, attenta!

GP Cina F1 2016, anteprima: Ferrari, attenta!

Altre battute d'arresto sul fronte affidabilità sarebbero inaccettabili

da in Circuito Shanghai F1, Ferrari F1, Formula 1 2017, GP Cina F1
Ultimo aggiornamento:
    GP Cina F1 2016, anteprima: Ferrari, attenta!

    La Formula 1 va a Shanghai per il Gran Premio di Cina 2016 ed è già un momento cruciale del campionato. Siamo appena alla terza gara di 21, ma le indicazioni che darà il week end saranno più che mai importanti. La Ferrari dovrà utilizzare la seconda power unit delle 5 permesse senza incorrere in penalizzazioni, i danni riportati al motore termico della macchina di Vettel in Bahrain erano troppo importanti per poter reimpiegare la stessa unità. Ed è sul versante dell’affidabilità che il Gran Premio di Cina dovrà dare una risposta chiara. Ovvero, se la SF16-H riuscirà a mettersi alle spalle le due rotture – profondamente diverse – sofferte da Raikkonen (al turbo) e Vettel (causata dall’elettronica). Per seguire LIVE in diretta il Gran Premio di Cina di F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Le indiscrezioni dicono che i motoristi stiano lavorando sulla gestione elettronica della power unit per ottimizzare il rendimento della sovralimentazione e della parte elettrica, alla ricerca di un equilibrio tra prestazioni e tenuta. Con un Rosberg già a quota due successi, appare evidente perché un’ulteriore battuta d’arresto peserebbe come un macigno sulle chance iridate del Cavallino. Se, nella migliore delle ipotesi, la lotta con la Mercedes si decide sul filo di lana, scarti di pochi decimi, iniziare il mondiale con troppi ritiri porta a una battaglia persa sul nascere.
    Lo scorso anno le prestazioni della SF15-T furono interessanti in Cina, anche se in gara la superiorità di Hamilton e Rosberg si manifestò tutta quando montarono le gomme medie, con le quali la Ferrari non riuscì a tener testa.

    Avremo una situazione radicalmente diversa domenica sul fronte gomme. I ferraristi avranno 3 set di medie, 4 di morbide e 6 di supermorbide. In qualifica si useranno quest’ultime, così come per l’avvio di gara. Resta da decidere quale combinazione verrà scelta per la strategia a due o tre soste.

    Molto dipenderà dal rendimento delle coperture più morbide, dal loro degrado e dal vantaggio cronometrico che assicureranno. In Mercedes, Hamilton ha 4 treni di gomme medie, uno in più di Rosberg, mentre entrambi hanno un set meno della Ferrari di supermorbide. Sia in Australia che in Bahrain, l’ampia combinazione di strategie data da una mescola in più a disposizione ha regalato gare interessanti, perlomeno nelle posizioni immediatamente giù dal podio.

    Tecnicamente avremo una pista che metterà a dura prova sia le power unit, con il rettilineo di oltre 1.100 metri di lunghezza, che il telaio e la trazione. In Bahrain le due SF16-H hanno sofferto soprattutto nel primo settore, composto essenzialmente da rettilinei e ripartenze da basse velocità, in Cina ci saranno condizioni simili nell’ultimo settore, mentre il primo e quello centrale potrebbero evidenziare le doti della Rossa.
    Prevedibile anche che nelle prove libere si assista a un divario molto ampio tra Mercedes e Ferrari, se sceglieranno a Maranello un approccio cauto sulla power unit, girando senza stressare troppo i componenti sui quali si concentra l’attenzione dei tecnici per incrementare l’affidabilità.

    598

    GP Cina F1 2015, gara
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Shanghai F1Ferrari F1Formula 1 2017GP Cina F1
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI