GP Cina F1 2016: Fernando Alonso ha ottenuto l’ok dai medici, correrà il GP di Shanghai

GP Cina F1 2016: Fernando Alonso ha superato il controllo medico e disputerà la gara di Shangai. Lo spagnolo ha avuto l'ok dai medici della Fia per il GP della Cina.

da , il

    GP Cina F1 2016 – Buone notizie per Fernando Alonso. Il pilota della McLaren Honda parteciperà al Gran Premio della Cina. Il pilota spagnolo, dopo il terribile incidente nel Gran Premio inaugurale a Melbourne in Australia, non ha partecipato al GP Bahrain, secondo round del campionato. L’ex ferrarista non era infatti riuscito a superare la visita di idoneità della Fia per dei problemi al torace. La Fia, in quella occasione, aveva inoltre spiegato che avrebbe effettuato ulteriori controlli prima di dare l’ok all’ex ferrarista per il terzo round stagionale. Fernando Alonso, arrivato a Shangai in buona forma, ha superato la visita medica ma, come si legge in una nota ufficiale della FIA, dovrà sottoporsi ad un nuovo controllo dopo le Libere 1. “Mi sento bene e non vedo l’ora di scendere in pista – ha spiegato Alonso – psicologicamente mi sento al 120% mentre fisicamente sono al 100%. Ho preparato al meglio l’appuntamento e mi auguro di fare un bel risultato” sono state le sue parole. Per seguire LIVE in diretta le qualifiche del Gran Premio di Cina di F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    L’incidente di Alonso studiato per l’introduzione del Halo

    Durante i test pre-campionato, come è possibile vedere nella gallery ad inizio pagina, la Ferrari è scesa in pista per qualche giro con l’Halo, la protezione studiato appositamente per evitare che detriti colpiscano il casco dei piloti durante gli incidenti. Questo nuovo sistema verrà installato sulle monoposto nella F1 2017 ma si sta studiando ancora per capire i pro e contro nelle situazioni al limite. Una di queste è capitata durante il GP d’Australia quando Alonso si è ritrovato nella sua McLaren distrutta. Fernando sarebbe riuscito ad uscire cosi velocemente se ci fosse stato l’Halo? la protezione avrebbe retto all’urto? Grazie alla microcamera installata sull’anteriore della monoposto gli ingegneri della FIA studieranno ogni minimo fotogramma per capire in che modo avrebbe risposto la nuova protezione. Anche Alonso, dopo il terribile crash, ha spiegato che l’Halo potrebbe non aiutare i piloti in quelle circostanze: “Ho avuto un po’ di spazio per uscire dall’abitacolo però forse con l’halo sarebbe stato più difficile. Bisogna studiare bene nel dettaglio ogni situazione per capire i possibili vantaggi e svantaggi. Io sono uscito velocemente ma con la protezione non è detto che sarei riuscito ad uscire in quel modo”.

    L’ingegnere Pat Symonds ha confermato che le immagini verranno analizzate nel dettaglio: “Sarà molto interessante, perché le immagini ad alta definizione di queste microcamere ci mostreranno quale era esattamente la posizione della testa di Fernando e da lì capiremo meglio come agire con l’Halo”.