GP Cina F1 2016, gomme: Ferrari più Supersoft di Mercedes

Formula 1 2016: analisi delle gomme Pirelli scelte per il GP della Cina. Ferrari ha più Supersoft mentre Hamilton ha un set in più di gomme Medium e Rosberg uno in più di Soft. Quale tattica farà la differenza?

da , il

    Anche il Gran Premio della Cina, terza tappa della stagione 2016 di Formula 1, vedrà le gomme Pirelli avere un ruolo cruciale nella determinazione del risultato finale. Anche stavolta, azzeccare la tattica giusta potrebbe fare la differenza. Cercando di capire con quali idee i team si approcceranno al weekend di Shanghai, notiamo che la Ferrari ha portato, sia per Sebastian Vettel che per Kimi Raikkonen, un set in più di gomme Supersoft rispetto alle Mercedes Per seguire LIVE in diretta il Gran Premio di Cina di F1 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Gomme per il GP di CIna F1 2016: le principali differenze tra i top driver

    La maggior parte dei team, al pari della Ferrari, ha deciso di puntare su 6 set di gomme Supersoft a fronte di un totale di 13 treni a disposizione. La Mercedes si è fermata a quota 5 così come la Toro Rosso. McLaren, Haas e Williams sono arrivate addirittura a 7 mentre Sauber e Manor si sono limitate a portare 4 treni di gomme a mescola più morbida. Altrettanto varia è stata la scelta delle gomme più dure del weekend, quelle a mescola Media: tra i vari riferimenti, spicca la mossa di Hamilton che ha portato 4 set anziché 3 come il compagno Rosberg ma anche i due della Ferrari e la stragrande maggioranza dei colleghi. Il campione del mondo in carica, così facendo, può contare su un set di gomme Soft in meno rispetto al collega di box. Lo stesso dicasi per Vettel e Raikkonen.

    GP Cina F1 2016: attese condizioni meteo variabili

    Le mescole portate dalla Pirelli sull’esigente circuito di Shanghai sono le P Zero White medium, P Zero Yellow soft e P Zero Red supersoft. Per il Gran Premio di Cina 2016 di F1, sono attese condizioni meteo piuttosto variabili che daranno agli strateghi diversi grattacapi non solo in caso di pioggia ma anche semplicemente nel valutare la miglior gomma in relazione alle temperature dell’asfalto. “Quello della Cina è un tipo di circuito molto diverso dai due che abbiamo visitato finora quest’anno, ma le mescole scelte sono le stesse, a sottolineare l’adattabilità del nostro prodotto a un’ampia gamma di circostanze – ha dichiarato Paul Hembery sul sito ufficiale della Pirelli - È anche probabile che la gara di Shanghai sia piuttosto fredda, benché la natura del luogo renda possibile ogni situazione, quindi i team dovranno essere reattivi in termini di strategia e correlare attentamente i dati raccolti nelle libere alle eventuali condizioni di gara. Finora le tre mescole scelte hanno portato a numerose opzioni strategiche e anche in Cina ci aspettiamo un’ampia varietà di tattiche”. Lo scorso anno Hamilton vinse facendo due pit stop, partendo con gomme Soft, rimontando le soft al giro 14 e concludendo con le medie dal giro 33 in poi. Quasi tutti i piloti fecero due soste grazie anche all’ingresso della safety car nel finale.

    Fotogallery: GP Cina F1, così un anno fa…