GP Cina F1 2017: è allarme consumi di benzina in ottica GP!

GP Cina F1 2017: è allarme consumi di benzina in ottica GP!

Alonso si è ritirato in Australia per aver finito il carburante. In Cina anche altri team potrebbero avere problemi anche la situazione più drammatica resta quella della Honda

da in Circuito Shanghai F1, Formula 1 2017, GP Cina F1, News F1
Ultimo aggiornamento:
    GP Cina F1 2017: è allarme consumi di benzina in ottica GP!

    Per il Gran Premio della Cina 2017 di F1 dobbiamo aspettarci che piloti e tecnici saranno costretti a fare i conti con il problema del consumo carburante. Il circuito di Shanghai metterà a dura prova il limite di 105 Kg imposto dalla FIA, almeno stando alle simulazioni e, soprattutto, ai dati raccolti due settimane fa in occasione del Gran Premio d’Australia. Un aumento della velocità delle monoposto, una maggiore aderenza in curva e pneumatici più larghi hanno comportato un incremento delle prestazioni ed anche dei consumi. Si faccia attenzione: non siamo più nella teoria pura o nelle previsioni di inizio stagione. C’è dell’altro. C’è già il caso clamoroso della McLaren-Honda, ad esempio. Fernando Alonso non ha concluso la gara di Melbourne proprio perché rimasto a secco di benzina! E’ stato direttamente il pilota spagnolo a rivelare le vere ragioni dello stop quando mancavano 7 giri alla bandiera a scacchi. Ora, in vista del GP di Cina di Formula 1, sono in molti a temere qualcosa… Per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Cina F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    Quanto accaduto alla McLaren-Honda nel corso del GP d’Australia si può leggere in due modi: da una parte è la conferma di quanto disastroso e fallimentare sia il lavoro svolto dai giapponesi sulla power unit che paga oltre 30 cavalli di potenza ai rivali e consuma decisamente più di quanto non sia richiesto per concludere un Gran Premio. Dall’altra, dimostra che il consumo di carburante diventa un problema serio proprio a causa dell’incremento delle prestazioni che, lo ricordiamo, si attesta tra i 3 ed i 5 secondi al giro. Fernando Alonso ha alzato bandiera bianca a 7 giri dalla fine poiché non è arrivata una safety car che gli avrebbe consentito di alzare il piede e guadagnare autonomia come speravano dal box. Stoffel Vandoorne, invece, ha scelto una tattica più conservativa ed ha corso tutta la gara in modalità risparmio chiudendo, però, ultimo e staccato di due giri dalla Ferrari di Vettel. In vista del Gran Premio della Cina, la Honda porterà qualche accorgimento e, magari, spererà nella pioggia per avere guadagnare qualcosa in termini di consumo di carburante. Si stima, infatti, che la quantità ideale di benzina per completare la gara di Shanghai sia di 108 Kg contro i 105 consentiti dal regolamento.

    L’allarme sta suonando in tutti i box.

    Più o meno 100 Kg per 305 chilometri circa: ecco quanto consuma una monoposto di Formula 1 2017. La McLaren-Honda non riesce a raggiungere questo limite che, lo ricordiamo, è previsto dal regolamento. “Siamo in difficoltà su molti fronti - ha ammesso Fernando Alonso alla vigilia del Gran Premio della Cina di F1 – abbiamo vari fronti aperti tra cui quello della potenza, dell’affidabilità e del risparmio di carburante che ha grandi implicazioni anche sullo stile di guida dato che non possiamo spingere come faremmo normalmente. Sarà un’annata difficile per noi”.

    620

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Shanghai F1Formula 1 2017GP Cina F1News F1
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI