GP Cina F1 2017, strategie: un pit stop e più speranze per i sorpassi

Sul circuito di Shanghai si può sorpassare per cui si spera che il GP della Cina 2017 di F1 non sia deciso ai box

da , il

    GP Cina F1 2017, strategie: un pit stop e più speranze per i sorpassi

    Il Gran Premio della Cina 2017 di Formula 1 vedrà a disposizione dei team gli pneumatici Pirelli a mescola Medium, Soft e SuperSoft. Ciò significa a livello di strategie, secondo le previsioni del fornitore unico della F1, che per completare l’intera distanza di gara sarà sufficiente effettuare un solo pit stop così come avvenuto in Australia. A differenza di Melbourne, però, il circuito di Shanghai rende possibili i sorpassi. In questo senso, il secondo appuntamento della stagione 2017 di F1 rappresenta una vera cartina di tornasole per capire quanto il nuovo regolamento ha ucciso lo spettacolo o meno. Se nel Gran Premio della Cina si vedranno dei sorpassi, allora non saremo di fronte ad un grosso problema. Se, invece, le gare saranno decise dalle tattiche del muretto e queste potranno basarsi solo un numero limitato di pit stop, allora il governo della Formula 1 dovrà intervenire in fretta per evitare GP dall’esito scontato dopo la prima curva. Per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Cina F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    GP Cina F1 2017, circuito Shanghai esame verità per i sorpassi

    Tra le caratteristiche peculiari del circuito di Shanghai in rapporto alle gomme, citiamo alcuni fatti salienti: la superficie si presenta molto sporca al venerdì per poi registrare una rapida evoluzione durante il passare dei giorni; le curve che richiedono maggior sforzo agli pneumatici sono la 1 a la 13; la gomma più sotto stress è l’anteriore sinistra; il rettilineo più lungo porta la superficie dello pneumatico a raffreddarsi contribuendo alla formazione del graining. Proprio il rettilineo principale con la conseguente netta frenata sono tra gli elementi che rendono la pista favorevole per i sorpassi. Gli osservatori della FIA, quindi, hanno intenzione di analizzare l’andamento della gara per capire come e se intervenire per migliorare lo spettacolo.

    GP Cina F1 2017: pericolo graining per le gomme

    “Qui portiamo la selezione intermedia di mescole, ma ci aspettiamo un utilizzo prevalente di soft e supersoft, a seconda ovviamente del tempo imprevedibile, tanto più che ogni pilota ha a disposizione soltanto due set di medium”, ha spiegato Mario Isola, nuovo responsabile del settore corse della Pirelli. Quanto al rischio graining, storicamente presente in Cina, Isola ritiene che le nuove mescole di pneumatici possano soffrirne meno:”Come abbiamo visto a Barcellona nei test pre-stagione, quest’anno il fenomeno è generalmente ridotto, quindi speriamo di poterlo confermare anche qui”. In caso di pioggia, debutteranno gomme con mescola diversa, apposta per circuiti lisci e con asfalto poco abrasivo come quello di Shanghai. Ricordiamo, infine, che ogni team avrà a disposizione 7 set di mescola Supersoft, 4 Soft e 2 Medium. Dal sesto Gran Premio della stagione 2017, invece, ogni squadra potrà scegliere autonomamente per ciascun pilota quanti tipi di gomma portare per ciascun mescola (tra le tre tipologie selezionate di volta in volta dalla Pirelli) dovendo solo rispettare il limite dei 13 set totali.