GP Cina, voci dal podio

da , il

    Podio GP Cina

    Michael Schumacher: «E’ stato un week-end di alti e bassi e sempre al limite. In gara sono stato penalizzato dalla pioggia all’inizio ma poi con l’andare avanti le condizioni sono state a noi favorevoli. Abbiamo scelto il momento giusto nel quale cambiare le gomme e abbiamo raggiunto il risultato sperato.

    Il sorpasso su Fisichella è arrivato in quel momento. Fino a prima stavo attento ad aspettare il momento giusto senza rischiare ed è arrivato in quel momento e con un “tuffo” sono riuscito a superarlo. Nel finale sono stato attento a controllare visto che cambiavano le condizioni della pista per la pioggia e non aveva senso rischiare».

    Fernando Alonso:«All’inizio andavo benissimo poi ho avuto un porblema all’anteriore e l’ho cambiata. Andando avanti le condizioni sono cambiate ed ho consumato troppo le mie intermedie ed ho perso molto terreno su Giancarlo e Michael. Forse non abbiamo reagito velocemente alle variazioni del tempo. Comunque facciamo tesoro dei nostri errori. e guardiamo avanti».

    Giancarlo Fisichella:«La mia priorità era quella di arrivare in fondo. Ho manteuto le stesse gomme perché l’equilibro della macchina era OK. Quando ho messo le gomme da asciutto avevo bassa aderenza e gomme fredde per cui è stato facile per Michale superarmi. Nel finale, poi, ho deciso di rispiarmiare i motori per il prossimo GP e non ho tirato al massimo».

    Flavio Briatore:«Siamo tutti molto dispiaciuti per Fernando. Oggi e’ stato semplicemente fantastico ed ha dominato sia col bagnato che con l’asciutto. Dopo una simile prestazione, non c’e’ niente di piu’ frustrante che vedere una vittoria scivolare tra le proprie mani. Giancarlo ha guidato bene meritandosi il podio ed i suoi punti significano che siamo di nuovo in testa nel Campionato costruttori. Stasera proviamo soprattutto frustrazione. Ma, guardando ancora piu’ in la, oggi avevamo le macchine piu’ veloci ed entrambi i campionati sono ugualmente importanti. Sappiamo di avere il team e le prestazioni per vincere».

    Jean Todt:«E’ stata una gara di un’intensita’ incredibile, dove il genio di Michael, il talento della squadra e le gomme Bridgestone hanno reso possibile questo risultato straordinario. Peccato per Felipe, che stava facendo una bella rimonta dalla penultima fila della griglia: un contatto con Coulthard lo ha messo fuori gara, impedendogli di conquistare dei punti importanti per il campionato Costruttori. Questo non puo’ pero’ far passare in secondo piano la gioia per una vittoria fantastica, ottenuta qui a Shanghai davanti ad avversari molto forti. Ora ci giocheremo i due campionati in due gare: se pensiamo ai distacchi che avevamo dopo Montreal e al fatto che ora Michael ha raggiunto il suo concorrente diretto e siamo soltanto un punto dietro nella classifica Costruttori, abbiamo una conferma ulteriore che non bisogna mollare la presa, mai!»