GP Corea F1 2012, Lotus: debuttano i nuovi scarichi

da , il

    Giappone, GP Suzuka F1   Sabatoi pre gara

    AP/LaPresse

    Non mancheranno le novità tecniche in Corea, con molte scuderie attive su più fronti. In attesa di scoprire cosa presenterà la Red Bull a Yeongam, due certezze riguardano la Lotus e la Mercedes. Il team diretto da Eric Boullier aveva anticipato già nelle scorse settimane che per il Gran Premio di Corea ci sarebbe stato un importante pacchetto di aggiornamenti sulla Lotus E20.

    Aggiornamenti che debutteranno e andranno nella direzione già sperimentata dagli altri team in materia di scarichi. Raikkonen e Grosjean potranno contare sui benefici della configurazione che sfrutta l’effetto Coanda, per direzionare i gas verso il fondo piatto e da lì sui canali esterni del diffusore.

    Modifica che andrà in tutt’altra direzione rispetto alla conformazione attuale della Lotus, pensata per incrementare la potenza massima del motore Renault, in posizione dritta e al centro del cofano motore. «Sin dal lancio della E20 abbiamo portato avanti uno sviluppo parallelo in galleria del vento, incentrato sugli scarichi con effetto Coanda», ha spiegato il direttore tecnico James Allison.

    Verrebbe da pensare che c’è chi, come la Ferrari, non riesce ad avere le risposte giuste dalla galleria del vento e chi, la Lotus, addirittura porta avanti programmi di sviluppo con soluzioni parallele.

    «Quando abbiamo visto il guadagno potenziale del sistema Coanda, era chiaro che dovevamo implementarlo, sia per i benefici che ci porterà in quest’ultimo quarto di campionato che per imparare in vista del 2013».

    Maldonado potrebbe lasciare la Williams

    Le ambizioni di Pastor Maldonado crescono, il venezuelano cerca un sedile più competitivo per il 2013, forte com’è della sua valigia di sponsor personali, confermata dopo l’elezione del presidente Chavez lo scorso week end. Non che abbia raccolto molto, Pastor, oltre alla vittoria sensazionale di Barcellona: appena altri due arrivi a punti, tra cui quello di Suzuka di domenica.

    «Al momento ci sarebbe la chance di andare in altri team, ma stiamo valutando di restar qui, anche se è troppo presto [per parlarne]», ha detto Maldonado. E quale potrebbe essere mai la meta, o le mete, più competitive della Williams a cui potrebbe approdare? Senza dubbio la Sauber, in cerca di un pilota e con la conferma di Kobayashi molto più vicina dopo il podio nel gran premio di casa. Non va scartata nemmeno la pista Force India, se uno dei due piloti dovesse partire alla volta di Maranello: ipotesi ormai sempre più debole. In entrambi i casi, serve un uomo che porti ricche sponsorizzazioni per assegnare il sedile, quella dote che i petrodollari venezuelani sono in grado di assicurare.

    Mercedes continuerà l’apprendistato del super-Drs

    La Lotus l’ha introdotto per prima, la Mercedes ne ha seguito l’esempio. Stiamo parlando del sistema di super-Drs o doppio-Drs passivo, montato per la prima volta dalle Lotus nel Gran Premio di Germania e dalla Mercedes in Belgio. Entrambe le scuderie non lo hanno mai impiegato in gara e probabilmente non avverrà fino al prossimo anno.

    La Mercedes in Corea proseguirà lo studio del sistema nelle prove libere del venerdì, utilizzandole come una sessione di test aerodinamici, ha spiegato Ross Brawn. La particolarità del sistema sta nel setup dei canali che convogliano l’aria dietro all’air scope per scaricarla appena sotto il profilo principale dell’ala. Un sistema passivo, quindi indipendente dall’azionamento del Drs, il che ne permetterà l’utilizzo anche il prossimo anno, visto il divieto relativo ai soli dispositivi attivati dall’ala mobile.