GP d’Australia F1 2014: e se tutti si ritirassero prima della bandiera a scacchi?

F1 2014: in vista del GP d'Australia arriva dalla Magneti Marelli una profezia inquietante

da , il

    GP d'Australia F1 2014: e se tutti si ritirassero prima della bandiera a scacchi?

    Siamo a pochi giorni dal GP d’Australia 2014 di F1! Di fronte ad una possibile catastrofe, è buona norma prepararsi al peggio. Lo scenario peggiore per l’avvio di stagione 2014 di Formula 1 è che nessun pilota riesca a raggiungere la bandiera a scacchi. Il Gran Premio d’Australia potrebbe rivelarsi una vera gara ad eliminazione! La profezia è corroborata dai fatti. Nasce dalle menti di alcuni fini osservatori. Trova conferma nelle affermazioni di cui alcuni addetti ai lavori. Tra questi citiamo l’ingegner Roberto Dalla, responsabile di Magneti Marelli Motorsport, il quale parla alla Gazzetta dello Sport usando toni che fanno tremare: tante, troppe, sono le delicatissime novità introdotte che, con i pochi giorni di test a disposizione, hanno reso le nuovissime monoposto ancora del tutto acerbe per affrontare un weekend di gara.

    La parte elettronica della Formula 1 cresce di importanza. Fino allo scorso anno c’era una centralina unica uguale per tutti. Quest’anno quel componente resta ma subentrano altre funzioni gestite da ben più articolati sistemi. In sostanza è come se ci fosse una nuova parte del cervello da controllare. Secondo Dalla, lo scenario è preoccupante:“In F1 si è visto i team reagire in tempi rapidissimi ma c’è anche l’ipotesi che nessuno finisca la gara, perché tutti hanno accusato guai seri.” Per capire la complessità di questi nuovi progetti, basti dire che dentro ad una monoposto di stimano oltre 30 km di cavi. Ma tutta questa elettronica potrebbe non servire a nulla senza il fattore umano a gestirla al meglio:“Spetta sempre al pilota guidare in maniera tale da risparmiare benzina per finire i GP”, ha ricordato il responsabile di Magneti Marelli Motorsport.

    Tutti in volo per l’Australia

    Ben impacchettate, le monoposto ed i team di F1 stanno raggiungendo l’Australia. Per molti sarà come fare una sessione di test aggiuntiva. Entro giovedì le vetture saranno montate anche per affrontare le attese verifiche tecniche della FIA. Secondo le stime della Ferrari, si vedranno differenza più marcate rispetto al passato nel comportamento delle macchine tra qualifiche del sabato e gara della domenica. Sul giro secco si potrà spingere al massimo. Sulla distanza, invece, si dovranno fare i conti con consumi e affidabilità. Come detto, i piloti avranno un ruolo chiave sia sfruttando la loro sensibilità, sia interpretando al meglio le informazioni che arriveranno via radio da quei “geni/scemi” del muretto box. Alonso è avvisato…

    Pronostico indeciso? Punta su Hulk

    Nico Hulkenberg si appresta ad affrontare il quarto GP d’Australia della sua carriera. Nei tre precedenti non ha mai completato neanche un giro! La sorte deve cambiare anche per lui che potrebbe essere una delle sorprese positive dell’anno grazie all’ottimo stato di forma della Force India. “Sono soddisfatto, perché abbiamo fatto buoni progressi nell’ultima settimana di test - ha ammesso – si può sempre fare meglio ma crediamo di essere ben preparati. Penso di poter lottare per dei buoni punti”.

    Riparte il Fanta F1 di Derapate!

    Gp Valencia 2012, la gara

    Eccoci di nuovo a parlare del FantaF1. Il tradizionale gioco on line di Derapate.it riparte con la nuova stagione di Formula 1. Se pensi di poter indovinare chi otterrà la pole e i primi otto classificati di ogni Gran Premio, allora non perdere tempo: iscriversi è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!