GP del Bahrain F1 2008, il circuito di Sakhir

GP del Bahrain F1 2008, il circuito di Sakhir

da , il

    GP del Bahrain F1 2008, il circuito di Sakhir

    5,412 km da percorrere 57 volte per per una distanza totale di 308,238 km, Il Gran Premio del Bahrain si disputa per la quinta volta e ad ospitarlo è ovviamente l’impianto di Sakhir, alle porte di Manama, capitale del ricco emirato arabo.

    Costruito in mezzo al deserto, la caratteristica principale del circuito è la presenza della sabbia che, col vento, invade la pista rendendo l’asfalto decisamente scivoloso ed abrasivo. Per tentare di arginare il problema, ogni anno viene ricoperta la superficie attorno alla pista con un apposito spray.

    Il tracciato presenta una conformazione che potremmo classicamente definire stop-and-go, con molti allunghi e brusche frenate che danno numerosi spunti per compiere attacchi ed effettuare manovre di sorpasso.

    I punti caldi sono la staccata in fondo al rettilineo principale, resa insidiosa dalla notevole decellerazione e dal contemporaneo restringimento della traettoria; le velocissime curve 5-6-7 e le curve finali che, immettendo in lunghi rettilinei, richiedono una buona entrata per sfruttare la successiva accelerazione al meglio.

    La prima edizione del 2004 è stata dominata dalla coppia Ferrari Schumacher-Barrichello mentre nelle due edizioni successive è stato Fernando Alonso a salire sul gradino più alto del podio. Lo scorso anno, infine, fu Felipe Massa ad indovinare il weekend perfetto e a portare a casa la sua prima vittoria stagionale. Il brasiliano riuscirà a ripetersi anche quest’anno? Ricordiamo che la Ferrari assieme alla Toyota è stata l’unica squadra a girare sulla pista araba durante l’inverno.

    Video. Giro di pista del Circuito di Sakhir con la spiegazione di un tipo che al volante non se la cava poi tanto male: Michael Schumacher.

    Link | sito ufficiale

    Link | mappa satellitare