GP del Bahrain, pagelle: Massa e Hamilton OK, grande prova di Heidfeld!

Felipe Massa

da , il

    GP BAhrain Pagelle F1 2007

    Felipe Massa. Si salva in zona Cesarini e rimette tutto in discussione. Lo accusavano di non essere sufficientemente freddo ma proprio quando la pressione lo stritola lui si esalta. Come stanno veramente le cose? Ancora non si è capito. Ma per stavolta si prende un 9. Perché non sbaglia niente. Partenza, gestione di gara, gestione di Hamilton, gestione della macchina. Tutto veramente OK.

    Lewis Hamilton. Mette dietro Alonso e si prende la vetta della classifica mondiale. Unico neo, ad essere pignoli, è l’aver ammesso di essersi accontentato del secondo posto. Ma la si può vedere anche come intelligenza tattica. Voto 9 anche a lui!

    Kimi Raikkonen. Dispiace che non abbia tentato di passare Alonso. Heidfeld ha dimostrato che era possibile farlo. E dispiace che si mostri così sornione. Sembra che si limiti ad arrivare in fondo. Forse per lui tutta questa regolarità è una novità, visto come lo trattava la sua McLaren. Ma non è certo una scusante. Se Massa è ritornato in gioco è anche per colpa/merito di Raikkonen. Voto 5. Perché alla prima occasione di cedimento di Alonso, doveva bastonarlo anziché fargli compagnia.

    Nick Heidfeld. Il vero eroe di giornata? Be’ non esageriamo. Però ricordiamocelo quel sorpasso. Sia perché non c’era riuscito Raikkonen prima. E sia perché Alonso è comunque sempre un osso duro da masticare. Voto 9+. Perché se è lì tra i migliori adesso, non è merito solo della BMW.

    Fernando Alonso. Cosa è successo al mastino? Gli hanno messo una museruola? Una gara storta ogni tanto la infila anche lui. C’è da chiedersi solo se sarà un episodio o se succederà ancora. Voto 4,5. Perché non si capisce come mai non l’abbia capito lui come far girare bene questa McLaren, ma l’abbia capito Hamilton!

    Robert Kubica. Ha un problema allo sportellino del rifornimento che resta aperto e lo rallenta un po’. Non pare comunque al pari di Heidfeld. Voto 6,5. Raccoglie i suoi primi punti e si tiene lontano dai guai.

    Jarno Trulli. E’ il primo ad uscire dal mucchio selvaggio che si dà battaglia per tutta la gara. Bravo. Voto 8.

    Giancarlo Fisichella. La Renault che si ritrova ha perso pure il proverbiale sprint nelle partenze. Pur di partire un po’ avanti, allora, si tiene leggero ma la strategia non paga. Bravo nel finale a recuperare su Trulli ma non abbastanza per passarlo. Voto 6,5. Perché uscirne con un punto è sempre una consolazione.

    Nico Rosberg. Passa più tempo sulla sabbia che sull’asfalto. Come lo scorso anno dà spettacolo, ma pasticcia molto di più. Voto 6. Almeno ci prova. E fa divertire.

    David Coulthard. Il nonno è rinato? E’ bastato tagliargli le scarpe e Coulthard ha tirato fuori una prestazione a tutta rimonta mai vista prima. Se la sua Red Bull non si fosse fermata avrebbe dato un giro anche a Massa. Voto 7+