GP del Belgio 2008, riscritta la storia: Hamilton penalizzato di 25”, Massa vince a tavolino!

penalizzato hamilton di 25 secondi e vittoria che finisce a felipe massa

da , il

    Poco dopo le 18, arriva come una doccia fredda, sotto la copiosa pioggia di Spa-Francorchamps, la decisione dei commissari del GP del Belgio: 25” secondi di penalità a Lewis Hamilton e addio vittoria. Il successo finisce nelle mani di Felipe Massa mentre il pilota McLaren scivola al terzo posto in classifica dietro anche a Nick Heidfeld.

    CHICANE. Secondo i commissari, l’infrazione decisiva è stata commessa alla chicane dove il pilota McLaren ha tratto vantaggio e, nonostante abbia restituito la posizione, ha comunque approfittato della situazione per sopravanzare successivamente Kimi Raikkonen. In sostanza, quindi, Hamilton avrebbe dovuto distanziarsi di più dal finlandese oppure attendere un’altra curva per proporre il suo attacco.

    FERRARI CAUTA. Non avevano sporto reclamo ufficiale. Quindi, hanno deciso di non festeggiano particolarmente la decisione dei giudici. In casa Ferrari è ancora forte il rammarico per l’occasione persa da Raikkonen. Ed anche se è chiaro che la Ferrari ritenga giusto il provvedimento viste le dichiarazioni a caldo nel dopo gara, Domenicali accoglie la decisione senza commentarla:“Siamo felici per la vittoria ma preferiamo guardare avanti e pensare già alla prossima gara. Sarà un mondiale molto combattuto”.

    RICORSO MCLAREN. I dirigenti del team anglotedesco si erano già difesi preventivamente ai microfoni delle televisioni di mezzo mondo. Appresa la decisione, quindi, vedono come inevitabile il ricorso in appello:“Metteremo a disposizione della Federazione i nostri dati. Si vede chiaramente dalla telemetria che Hamilton alza il piede e lascia passare Raikkonen. Poi lo batte in frenata ma siamo già in un’altra situazione. Vista la situazione, siamo costretti a fare appello”.

    GLOCK SANZIONATO. Non solo Hamilton ne esce con le ossa rotte dal confronto coi commissari. Per non aver rispettato le bandiere gialle, Glock è stato retrocesso di una posizione. Il suo punticino finisce a Webber mentre il tedesco viene piazzato nono.

    CABALA FAVOREVOLE. Hamilton non ha ancora commentato la vicenda. Analogamente a quanto fatto dal suo team, il pilota inglese si era già difeso in conferenza stampa e non sembra che ci sia molto da aggiungere alla sua versione dei fatti. Se la retrocessione venisse confermata in appello, il 23 enne si può consolare pensando che anche il grande Schumacher fu penalizzato, addirittura squalificato, dall’ordine di arrivo di un GP del Belgio. Era il 1994 e quell’anno riuscì lo stesso a diventare campione del mondo.

    GP del Belgio 2008 F1 2008, nuovo ordine di arrivo dopo le penalizzazioni:

    1. Felipe Massa (Bra) Ferrari +14″461

    2. Nick Heidfeld (Ger) Bmw Sauber 23″844

    3. Lewis Hamilton (Gbr) McLaren in 1h22’44″933

    4. Fernando Alonso (Spa) Renault 28″939

    5. Sebastian Vettel (Ger) Toro Rosso – Ferrari 29″037

    6. Robert Kubica (Pol) Bmw Sauber 29″498

    7. Sebastien Bourdais (Fra) Toro Rosso – Ferrari 31″196

    8. Mark Webber (Aus) RedBull – Renault 57″237

    9. Timo Glock (Ger) Toyota 56″506

    10. Heikki Kovalainen (Fin) McLaren 1 giro

    11. David Coulthard (Gbr) RedBull – Renault 1 giro

    12. Nico Rosberg (Ger) Williams – Toyota 1 giro

    13. Adrian Sutil (Ger) Force India – Ferrari 1 giro

    14. Kazuki Nakajima (Jap) Williams – Toyota 1 giro

    15. Jenson Button (Gbr) Honda 1 giro

    16. Jarno Trulli (Ita) Toyota 1 giro

    17. Giancarlo Fisichella (Ita) Force India – Ferrari 1 giro