GP del Belgio, commenti fuori dal podio. Hamilton:”Alonso su di me, è normale?”

GP del Belgio, commenti fuori dal podio

da , il

    GP del Belgio, commenti fuori dal podio. Hamilton:"Alonso su di me, è normale?"

    Lewis Hamilton, quarto:“La vettura non era male, semplicemente non ha reso bene per me come sulle altre piste. Ho fatto una buona partenza e pensavo di avere una chance di passare alla prima curva, ma sono andato largo in quanto Fernando ha tenuto la linea interna.

    Inizialmente ho pensato “oh grazie”, ma immagino che queste cose accadano quando si e’ in lotta per il Campionato Mondiale. Durante la gara ho fatto del mio meglio e ho spinto a fondo verso la fine, facendo un piccolo errore negli ultimi giri. Ho ottenuto dei punti, la cosa principale. Il gap tra Fernando si e’ ora ridotto a due punti, daro’ tutto nelle ultime gare per provare a vincere il Campionato Piloti”.

    Ron Dennis:“Quando si hanno due grandi piloti come Fernando e Lewis in lotta per il campionato, bisogna aspettarsi manovre come quelle viste oggi in partenza, il risultato della loro estrema competitivita’. Abbiamo un grande mondiale con loro al comando, e guardo con impazienza alle prossime tre gare. Il team dara’ l’oro ogni opportunita’ di lottare fino all’ultimo giro. Abbiamo lavorato duramente per avere un’affidabilita’ totale in gara con le nostre due vetture e l’intero team guarda ora al resto della stagione”.

    Nick Heidfeld, quinto:“Questa volta la mia partenza non e’ stata buona affatto. Nella prima curva ho provato a recuperare ma non ci sono riuscito. Ho frenato in ritardo e sono uscito fuori. Ho saputo che dovev superare Heikki Kovalainen perche’ era su una sola sosta. Era non facile ma possibile. Quando Nico Rosberg e Webber hanno rifornito molto piu’ presto di me era chiaro che potevo finire davanti a loro. Inoltre i miei tempi sul giro erano buoni quando mi sono trovato con pista libera. Verso la fine della gara non ho avuto pressione ed ho potuto ridurre i giri del motore.”

    Nico Rosberg, sesto:“Sono molto soddisfatto perché stiamo migliorando gara dopo gara. Disporre di una buona monoposto e’ sicuramente positivo anche per me perché mi permette di andare costantemente a punti, che era il mio obiettivo di inizio anno. Oggi le BMW andavano veramente forte e quindi la sesta posizione e’ il miglior risultato possibile. Sono comunque molto soddisfatto della mia posizione ottenuta su un circuito molto difficile. Speriamo di poter continuare su questa strada in modo da poter migliorare anche la mia posizione nella classifica piloti”

    Mark Webber, settimo:“E’ ottimo per noi esser riusciti ad andar a punti oggi, visto che non e’ facile di questi tempi. E’ stato bello battere ampiamente le Renault. David ha svolto un ottimo lavoro, facendo da tappo davanti a Kubica aiutandomi cosi’ molto. E’ stata una gara piacevole, anche se sinceramente I miei pensieri vanno alla famiglia McRae che ha vissuto, ieri, una terrificante tragedia”.

    Heikki Kovalainen, ottavo:“Ho guidato la maggior parte della gara guardando gli specchietti e quando ho avuto pista libera, la macchina era troppo pesante per poter segnare dei buoni tempi. Ad essere onesto, con una strategia diversa potevamo raggiungere un risultato migliore perche’ la macchina era competitiva. Dopo i long run di venerdi, abbiamo pensato fosse meglio optare per una sola sosta ma oggi non ha funzionato. Ho fatto una buona partenza, ma dopo qello mi sono dovuto solo difendere.”

    Robert Kubica, nono:“Non ho fatto una buona partenza ma la corsa e’ andata come previsto, molto difficile. Sono stato dietro ad Heikki e poi dietro Coulthard dopo il mio primo stop. Nonostante fossi piu’ veloce di lui non sono risucito a superarlo. Ho perso molto tempo dietro di lui per quasi dieci giri ed ho girato quasi 2 secondi sotto i miei tempi.”

    Ralf Schumacher, decimo:”La gara e’ andata bene: ho fatto il massimo e penso che abbiamo anche ottenuto molto dalla macchina, ma sfortunatamente non e’ stato sufficiente per segnare alcun punto”.

    Jarno Trulli, undicesimo:“Per me e’ stato un pomeriggio difficile. Alla prima curva ho perso un po’ di posizioni, perche’ ho dovuto inchiodare ad andare largo, in quanto un’altra vettura aveva frenato tardi. Sono precipitato dietro altri concorrenti, che avevano piu’ carico di carburante di me ed erano quindi piu’ lenti, ma non mi e’ stato possibile superarli perche’ non avevamo velocita’ sufficiente nei rettilinei. Mi aspettavo di piu’ dalla gara e se si guarda alle prestazioni della vettura quando non ero nel traffico siamo stati abbastanza competitivi ed il bilanciamento della macchina era soddisfacente. Ora dobbiamo concentrarci sulla gara casalinga in Giappone dove spero di avere un risultato migliore. Dobbiamo lavorare molto nei test della settimana prossima, per migliorare decisamente e tirare fuori piu’ del nostro massimo”

    Tonio Liuzzi, dodicesimo:“Credo d’aver disputato una bella gara, oggi, impreziosita da qualche bel sorpasso. Il fine settimana era iniziato venerdi’ con diversi problemi, ma la qualifica era poi andata bene ed in seguito avevo anche guadagnato altre due posizioni grazie ai problemi altrui. A mio parere, quindi, non si poteva far nulla di meglio. Considerato quanto questa pista e’ difficile, ritengo che questo fine settimana sia andato meglio del previsto, visto che abbiamo dimostrato di avere un buon passo di gara anche rispetto a quello delle Red Bull. Abbiamo fatto un buon lavoro, anche se c’e’ stato qualche problema con la ruota anteriore destra al rifornimento, e questo mi ha fatto perdere alcuni secondi che mi hanno impedito di lottare con Button. In ogni caso si e’ ritirato”.

    Adrian Sutil:, quattordicesimo:“Questa e’ la prima volta che esco dall’abitacolo con il sorriso! E’ stata una buona gara e ad ogni giro avevo vetture con le quali battagliare davanti e me e dietro e quindi dovevo spingere ma anche difendermi. E’ stata una bella sensazione, specialmente al primo ‘run’, nel quale ho passato una vettura dietro l’altra guadagnando la 12ma posizione prima del pit-stop. Non abbiamo avuto problemi nella sosta e credo che la 14ma posizione finale con la nuova vettura sia molto buona”.

    David Coulthard, ritirato:“Mi sono dovuto ritirare per un problema idraulico: ho perso il controllo elettronico dell’acceleratore ed il servosterzo. Voglio dire che sono anch’io profondamente attristato per Ia tragedia che ha colpito la famiglia McRae, con la perdita del padre e del figlio. Colin era un uomo eccezionale, generoso, con un cuore grande cosi’, ed era anche il prototipo del corridore: senza paura e sempre all’attacco. E’ sempre rimasto coi piedi per terra nonostante la fama internazionale e l’enorme successo che aveva avuto. La sua e’ una grande perdita”.

    Giancarlo Fisichella, ritirato:“Non c’e’ molto da dire dopo una corsa cosi breve. Ho iniziato dai box con una macchina con basso carico aerodinamico per provare a recuperare delle posizioni. Ma quando ho impostato la curva 5, ho frenato ma la macchina non ha rallentato. E’andata dritta, ho toccato la barriera ed ho rotto la sospensione anteriore sinistra. Sono riuscito a tornare ai box ma non c’erano le condizioni per continuare la gara.”