GP del Belgio, inutile pole per Hamilton

previsioni per il gran premio del belgio di formual 1 edizione 2008

da , il

    Se c’è una volta in cui la pole position ha valore pressoché nullo è questa. Partire davanti vorrà dire molto solo per i primi giri. Poi tanto Hamilton, quanto Massa e Raikkonen saranno in balia della sorte per tutti i 300 km da percorrere sul circuito di Spa-Francorchamps. Non bastano queste ovvie considerazioni, comunque, a togliere il sorriso al pilota della McLaren.

    HAMILTON. “Ho fatto un giro senza errori e sono molto felice di questo risultato - ha commentato il leader del campionato – La macchina è andata bene tutto il giorno ed in tutte le condizioni. Potevamo fare ancora meglio ma il giro che mi ha dato la pole positione è stato comunque incredibile”.

    MASSA. Il brasiliano è di parere opposto. Ha fatto l’ennesima magia in qualifica ma non è stata sufficiente a contenere la McLaren numero 22. Come al solito il ferrarista si consola pensando al suo buon ritmo in gara e, se da una parte spera in un’altra partenza in stile Budapest, dall’altra teme moltissimo il pericolo pioggia:“Ho fatto un gran giro ma non è stato sufficiente per essere in pole position. Oggi ci è mancata un po’ di velocità rispetto ai nostri avversari principali ma la gara è molto lunga e conteranno anche le strategie. Se poi dovesse piovere, la gara si potrebbe trasformare in una lotteria per cui tutto può accadere.”

    RAIKKONEN. Meno abbacchiato del previsto è il campione del mondo in carica. Strano ma vero, la macchina gli piace. Come al solito ha fatto un errore in qualifica ma non per questo drammatizza la sua situazione, anzi:“E’ chiaro che sono un po’ deluso, perché avrei voluto un risultato migliore: il quarto posto non è sicuramente ideale per cercare di vincere ma ciò non vuol dire che abbia perso la speranza. Sappiamo di avere un bel potenziale, soprattutto in gara” Considerazioni, quelle del finlandese, che guardano molto avanti e sembrano già fare i conti con l’imprevedibilità del meteo che privilegerà, ovviamente, chi avrà il miglior feeling con la propria vettura e sarà in grado di districarsi al meglio in ogni condizione. Se dal box, poi, arrivassero le scelte giuste, il pericolo di una secondo naufragio alla Silverstone, è scampato!

    LA GARA. Le ultime previsioni danno pioggia àl 40% e vento in aumento. Le ultime indiscrezioni, invece, parlano di McLaren leggermente più leggere delle Ferrari. La vera sfida sarà la scelta delle gomme perché la pista oscillerà costantemente tra l’umido, il viscido ed il bagnato. In queste condizioni la McLaren dovrebbe avere una marcia in più ma le mille insidie del tracciato belga sono tranquillamente in grado di interrompere in qualunque momento ogni sorta di marcia trionfale. Detto che sulla carta Hamilton ha il potenziale per andare a vincere, fare previsioni è letteralmente inutile. Inutile tanto quanto partire dalla pole position o dalla seconda fila. In questo senso Raikkonen va tenuto seriamente in considerazione anche perché tra i tre candidati al titolo è quello rimasto con meno frecce nella sua faretra. E sbagliare bersaglio ancora, potrebbe essergli fatale.