GP del Canada = come trasformare una competizione sportiva in una barzelletta

il gp del canada è stato condizionato dalla nuova regola della safety car che impedisce ai piloti di rifornire

da , il

    Gp Canada F1 safety car

    Come trasformare una competizione sportiva in una barzelletta? Semplice: basta cambiare le regole sulla safety car.

    Quando la FIA ha comunicato i nuovi regolamenti, abbiamo immediatamente detto la nostra.

    E non ci sbagliavamo!

    Non siamo veggenti, sia chiaro. semplicemente sappiamo capire delle cose semplicissime. Se la corsa viene neutralizzata è già una mortificazione tecnica, ma possiamo ancora accettarla. Se però si obbliga i piloti a non fermarsi, oppure a penalizzarli nel caso in cui abbiano finito la benzina, si entra in un mondo che nulla ha a che fare con lo sport.

    Nell’intenzione dei grandi cervelloni della federazione questo elemento di imprevedibilità dovrebbe accontentare quelli che chiedono maggior spettacolo.

    Peccato che la gente voglia lo spettacolo, solo a certe condizioni. Non ho letto un commento che sia uno di una persona che diceva: “wow che figata questa nuova regola!”

    Se l’avessi letto, comunque, state certi che l’avrebbe scritto uno di quelli che i Gran Premi li segue giusto di tanto in tanto…

    Credo che quello che è successo in Canada debba insegnare. A noi, no. Già sappiamo in che mani è il nostro sport preferito per cui non siano né stupiti, né sorpresi.

    Spero che questo Gran Premio appena trascorso insegni qualcosa alla FIA e faccia tornar loro indietro. Ho forti dubbi al riguardo, anche perché pare che piloti, squadre, tecnici e ingegneri non dicano nulla. Possibile che anche a loro stia bene così?

    Di regole da idioti più totali ne hanno fatte molte in questi anni. A volte hanno avuto la decenza di tornare sui loro passi. Ce la faranno anche stavolta?

    Altrimenti dovremmo veramente smetterla di utilizzare la parola competizione e la parola sport quando si parla di questo grande, colossale, miliardario, ridicolo, BARACCONE.