GP del Canada: giro di pista in bici [video]

GP del Canada: giro di pista circuito Montreal [video]

da , il

    GP del Canada: giro di pista in bici [video]

    Facciamo un giro di pista lungo il tracciato di Montreal intitolato a Gilles Villeneuve dove domenica si correrà in GP del Canada. Come farebbe un vero pilota impegnato in una ricognizione, però, anziché andare in macchina, mettiamoci su una bici e facciamo muovere le gambine…

    Dopo aver salutato anche noi Gilles ed essere arrivati in fondo al rettilineo dei box, si affronta la S dedicata ad Ayrton Senna. Questo punto è celebre per le carambole che spesso vedono protagonisti i piloti al primo giro dopo la partenza. Si arriva ad alta velocità e tutti insieme. E’ normale che ci scappi qualche contatto, soprattutto in caso di asfalto reso viscida dalla pioggia.

    Usciti indenni dalla S, si curva a destra dopo un breve allungo e poi si apre il gas per affrontare una serie di curve veloci fino al Pont de la Concorde. Da lì comincia un veloce rettilineo da oltre 300 km/h, spezzato da una chicane, che si conclude in un altro celebre punto della pista: il tornantino che precede il Casinò. Qui avvengono la maggior parte dei sorpassi (e degli incidenti).

    Altro punto caldo, lo troviamo dopo aver percorso il rettilineo seguente al tornantino. In fondo al dritto che precede l’entrata dei box si arriva ancora una volta ad oltre 300 all’ora per poi compiere una brusca frenata al fine di affrontare al meglio la chicane veloce che immette nel rettilineo del traguardo. Lì c’è il famoso muro dei campioni, sbattendo nel quale hanno finito anzitempo la loro gara molti piloti tra cui Michael Schumacher, Damon Hill, Jacques Villeneuve…

    Ecco anche un video di un giro di pista fatto da una Formula 1. Siamo a bordo della Jordan di Rubens Barrichello nel lontano 1995. Da notare, rispetto ad oggi, la chicane che spezza l’ultimo rettilineo che precede quello del traguardo.

    Anche il brasiliano è uno dei tanti estimatori di questo tracciato:“Correre qui è bellissimo. La pista è impegnativa con lunghi rettilinei e curve dalle staccate violentissime. Penso che adotterò un carico aerodinamico medio-basso per ottenere le massime prestazioni nei lunghi rettilinei. Ci siamo preparati bene per questa gara nel test svolto al Paul Ricard alcune settimane fa e l?aspetto critico sara’ riuscire a sfruttare la macchina al meglio delle sue possibilità.”