GP del Canada, post-qualifiche: solo Hamilton ha voglia di festeggiare

commenti dopo le qualifiche del gran premio del canada, parlano i primi tre hamilton, kubica e raikkonen con l'inglese che sembra non preoccuparsi delle condizioni dell'asfalto mentre per gli altri sarà quelllo il tema cruciale della gara di domenica

da , il

    GP del Canada, qualifiche: solo Hamilton festeggia

    Sarà l’alsfalto di Montreal il protagonista del Gran Premio del Canada edizione 2008. Per trovare un caso analogo, insolito ma non del tutto nuovo in F1, si deve addirittura tornare al 1985 con il GP del Belgio. Allora, la gara fu addirittura rinviata.

    Non sembra che ci sia lo stesso rischio oggi ma, dai commenti presi a fine qualifiche, i piloti non sembrano entusiasti all’idea di disputare la corsa. Unico in controtendenza è Lewis Hamilton che viaggia in tutt’altra dimensione“:La macchina va bene ed ho fatto un giro perfetto al secondo tentativo. Le condizioni della pista sono difficili ma ho cercato di evitare i detriti e non ho perso tempo. Non sono preoccupato perché siamo tutti sulla stessa barca”

    Più cauto il compagno di prima fila Robert Kubica. Il polacco è consapevole che sarà molto dura arrivare al traguardo nella stessa posizione della partenza:“Non è stata impossibile la qualifica. Non sono deluso per il secondo posto perché sapevo che Hamilton doveva finire il suo lap e avrebbe potuto passarmi. Ci sono, però, due curve soprattutto dove l’asfalto letteralmente si alza e con 70 giri è praticamente impossibile non finire sui detriti e non fare errori”

    “E’ incredibile quanto tempo ho perso alla curva 10, giro dopo giro. L’asfalto ha cominciato a sbriciolarsi gia’ in Q1 e non riuscivo a girare – ha commentato un Raikkonen quantomai loquace – era come guidare sul ghiaccio e non sono mai riuscito a trovare la traiettoria giusta in quel punto. E’ un vero peccato perché la macchina andava molto bene e avrei potuto lottare per la pole position. Non riesco a capire come possano accadere cose del genere: forse e’ stata la temperatura piu’ elevata, forse un lavoro di rattoppo in quel punto della pista non fatto nella maniera migliore, certo e’ che domani in gara li’ sara’ molto difficile passare. Comunque la situazione non e’ certo compromessa. Siamo veloci, come si e’ visto per tutto il fine settimana fino alle qualifiche, e partire dal lato pulito della pista e’ sicuramente positivo. Vediamo che cosa accadrà.”

    Anche Felipe Massa, nonostante la sesta piazza, prova a far sentire la sua voce:“Non e’ sicuramente questo il risultato che ci aspettavamo ed e’ un vero peccato, perché avevamo tutto per fare bene. La macchina era molto veloce, sia ieri che questa mattina e, senza il problema che si e’ verificato alla curva 10, avrei sicuramente potuto lottare per le prime posizioni. Del resto, basta guardare i tempi: il primo e il secondo settore erano molto buoni mentre perdevamo tutto il tempo nell’ultimo. In gara può succedere di tutto e non mi sento ancora tagliato fuori da nulla”.