GP d’Europa, voci fuori dal podio: Raikkonen deluso. Hamilton contento nonostante tutto.

GP d'Europa, voci fuori dal podio: Raikkonen deluso

da , il

    GP d'Europa, voci fuori dal podio: Raikkone ritirato

    Kimi Raikkonen, ritirato:“Non posso che essere molto deluso. Ero in una buona posizione, subito alle spalle di Felipe e Alonso, e la macchina era molto veloce: ero convinto che avrei potuto vincere. Progressivamente, il sistema idraulico ha smesso di funzionare: ho cominciato a perdere del tempo e poi mi sono dovuto fermare.

    Questa battuta d’arresto pero’ non mi fa mollare la presa: pur con una gara in meno da disputare, il distacco dalla vetta e’ rimasto immutato e nei sette Gran Premi che restano tutto puo’ accadere. Abbiamo una macchina molto competitiva ma e’ chiaro che dobbiamo migliorare sotto il profilo dell’affidabilita’.”

    Alex Wurz, quarto.

    “Ho potuto quasi assaporare lo champagne oggi! Sono molto contento della quarta posizione e dei molti punti raccolti. E’ stata una gara dura, ho dovuto usare tutta la mia testa e spingere nei momenti giusti. La cosa piu’ difficile e’ stata restare calmo perche’ in alcune situazioni e’ facile lasciarsi trasportare. Dovevo restare concentrato e portare a casa la vettura che oggi e’ stata competitiva. Negli ultimi giri ho messo molta pressione a Mark Webber perche’ l’ho visto andare un po’ largo e speravo in un suo errore. Ne ha fatto uno, piccolo, proprio alla fine, ma non e’ stato sufficiente per lanciare un attacco, e di sicuro, il mio obiettivo principale era ottenere punti per il team. Qualcuno potrebbe dire che finire a 2 decimi dal podio e’ frustrante, ma sono contento del quarto posto”.

    David Coulthard, quinto.

    “Sono molto felice per la squadra per questo risultato dopo un avvio di stagione molto difficile. Dopo delle brutte qualifiche solo delle condizioni mutevoli del meteo mi avrebbero concesso l’opportunità di fare una bella gara. Così è stato e, con le strategie e i pit stop che sono stati impeccabili, sono arrivato quinto!”

    Nick Heidfeld, sesto.

    “La mia partenza non e’ stata buona e purtroppo ho toccato Robert alla seconda curva e le macchine si sono danneggiate. Tuttavia, siamo stati fortunati che la corsa sia stata interrotta perche’ siamo riusciti a riparare le vetture. La squadra ha fatto un grande lavoro. Successivamente ho lottato con Robert e solo alla fine della corsa sono riuscito a passarlo quando lui ha commesso un errore. L’incidente con Ralf e’ stato sfortunato. E’ uscito lento dalla chicane, ho provato a superarlo e mi ha chiuso la porta. La pista bagnata non mi ha permesso di evitarlo”.

    Robert Kubica, settimo

    “Ho fatto una buona partenza, ma nella seconda curva penso che Nick sia arrivato un po’ troppo veloce, mi ha toccato e sono andato in testa coda. Sono ripartito in ultima posizione. Poi e’ iniziato a piovere ed ho chiesto al team se dovevo rientrare ma non ho avuto risposta, cosi ho continuato ma e’ stata una scelta errata. La corsa e’ stata molto divertente perche’ le condizioni sono cambiate, ma ho avuto dei problemi ai freni soprattutto al posteriore”.

    Heikki Kovalainen, ottavo.

    “Non c’e’ molto da dire su questa gara, ad essere onesto. Abbiamo scommesso con le gomme da bagnato soprattutto nel mio ultimo pit stop e alla fine non ha pagato. Ho dovuto gestire le gomme da bagnato su pista asciutta finche’ non e’ arrivata la pioggia ma ormai era tardi. Non e’ stata una buona giornata per il team ma siamo riusciti almeno a conquistare un punto”.

    Lewis Hamilton, nono.

    “Un weekend straordinario e una nuova esperienza per me. All’inizio ho fatto una buona partenza ed ero sesto. Ho raggiunto la quarta posizione quando le BMW sono uscite, ma ho accusato una foratura e sono rientrato ai box. Il team ha sfruttato l’occasione per montare gomme da bagnato, ma la pista era troppo scivolosa e sono uscito. Ho cercato di tenere il motore acceso, e un trattore mi ha liberato, un grazie ai commissari del Nurburgring. La gara e’ stata poi interrotta. Dopo la ripartenza ho spinto al massimo per recuperare, ma quando hai quasi un giro di ritardo devi contare sulla sfortuna altrui. Sono stato in grado di risalire fino alla nona posizione alla fine dopo aver passato una Renault all’ultimo giro, ma non ho raccolto punti”.

    Giancarlo Fisichella, decimo.

    “Abbiamo avuto oggi l’occasione per fare bene, ma non ci siamo riusciti. Ho perso posizioni girando con le gomme da asciutto rispetto agli altri quando e’ iniziato a piovere. Dopo, abbiamo girato con molta benzina ed anche se il bilanciamento della macchina era buono, non abbiamo avuto buone prestazioni”.

    Jarno Trulli, tredicesimo:

    “E’ stata il tipo di gara in cui sono stato sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il meteo e’ sempre un incognita: con la strategia abbiamo preso rischi in piu’ di un occasione ed ogni volta si e’ rivelato un errore. In generale e’ stata una gara drammatica, carente nelle strategie, carente nella fortuna, con molte cose che hanno lavorato contro. Ho fatto un buona partenza e mi trovavo quinto, ma c’era la pioggia e si preparavono le cattive sorprese. Anche la bandiera rossa e’ arrivata in un momento a me sfavorevole. Sull’asciutto ero abbastanza veloce, vicino alle vetture che mi precedevano, ma c’e’ stato ancora un problema nell’ultima sosta ai box. Una gara davvero da dimenticare!”

    Nico Rosberg, ritirato.

    “Non ci aspettavamo cosi’ tanta acqua e abbiamo montato le intermedie piuttosto che le full wet. Sono tornato in pista e dopo un po’ di tempo c’erano le bandiere gialle alla prima curva. Ho rallentato molto ma ho accusato l’aquaplaning e sono finito nella ghiaia. In quella situazione le gomme non hanno contatto con l’asfalto. E’ stato molto deludente perché sono queste le gare dove possiamo fare bene”.

    Markus Winkelhock, ritirato.

    “Prima di tutto devo ringraziare il team per avermi dato l’opportunita’ di debuttare davanti al mio pubblico e per la decisione di richiamarmi nella pit lane per cambiare pneumatici. La mossa di partire con gomme da bagnato mi e’ valsa la leadership nel Gran Premio alla mia prima gara ed e’ qualcosa che nessuno potra’ togliermi e che mi accompagnera’ per tutta la vita”.