GP di Francia: il tracciato di Magny Cours

Il circuito di Nevers-Magny Cours - situato nel mezzo alla campagna Francese e lontanto da "tutto" - ospita dal 1991 il GP di Francia

da , il

    Magny Cours tracciato

    Il circuito di Nevers Magny Cours – situato nel mezzo alla campagna francese e lontano da “tutto” – ospita dal 1991 il GP di Francia. Sin dalla sua progettazione, la pista francese è ciò che si può propriamente definire come tracciato misto. Curvoni veloci e curve lente, chicane, un lungo rettilineo e una grossa frenata.

    Una curiosità: il circuito è uno dei più studiati a tavolino del Circus. Le curve sono state pensate anche in funzione delle inquadrature televisive e alcune delle zone che lo compongono sono state copiate da altre celebri piste. Per questo si parla, ad esempio, di curvone “Estoril” che immette nel principale rettilineo e di tornantino “Adelaide” con una brusca frenata (luogo preferito per sorpassi e attacchi, nonché incidenti…).

    Un’altra caratteristica della pista è legata all’asfalto. Innanzitutto molto liscio (consente di tenere le vetture molto basse) e, in secondo luogo, molto scuro (obbliga le coperture a dover sopportare – in caso di sole – temperature molto elevate).

    Il gas viene tenuto al massimo per il 50% del giro. Il carico aerodinamico è medio come è media la configurazione della pista.

    Nella media anche altri valori come l’usura dei freni.

    Queste caratteristiche “neutre” fanno sì che spesso fatichi ad emergere la bravura del pilota, il quale si limita semplicemente a dover sfruttare al massimo le capacità della vettura senza poterci mettere del “suo”. Il risultato è particolarmente evidente nella griglia di partenza dove, a grandi linee, le vetture si dispongono a coppie l’una accanto all’altra.

    Dati circuito di Nevers Magny-Cours

    Giri: 70

    Lunghezza pista: 4.41 km (2.74 miles)

    Lunghezza gara: 308.59 km (191.75 miles)

    Giro più veloce: 1’16.423 (Kimi Raikkonen – McLaren Mercedes)