GP di Malesia F1: Kimi Raikkonen vince sul velluto. Massa fuori. Hamilton solo quinto

GP di Malesia F1: Kimi Raikkonen vince sul velluto

da , il

    GP di Malesia F1: Kimi Raikkonen vince sul velluto. Massa fuori. Hamilton solo quinto

    E’ Kimi Raikkonen il vincitore del Gran Premio di Malesia edizione 2008. Il finlandese esegue il compito alla perfezione e, assieme alla sua Ferrari, dà una strepitosa dimostrazione di forza agli avversari. Imperdonabile Massa che con un suo errore rovina la doppietta al Cavallino mentre, in un weekend storto, Hamilton non va oltre il quinto posto.

    PARTENZA. Scattano bene le Ferrari. Raikkonen sembra in grado di superare Massa ma il brasiliano non ci sta e gli chiude sin troppo brutalmente la porta. Il finlandese capisce che non ha senso rischiare e si accontenta della seconda posizione. Dietro Hamilton approfitta di un sandwich senza conseguenze tra Trulli, Kubica e Heidfeld per spuntare alle spalle dello stesso Kubica e Webber in quinta posizione. Dietro di lui Trulli, Kovalainen, Coulthard, Alonso e il più penalizzato dall’ingorgo della prima curva, Nick Heidfeld. Uno sconto tra Glock e Rosberg, intanto, costringe il pilota Toyota al ritiro mentre il connazionale della Williams deve tornare ai box per cambiare il musetto.

    -52. Heidfeld non ci sta a ritrovarsi così indietro e decide con una spettacolare manovra di passare contemporaneamente Coulthard e Alonso. Poco dopo anche lo spagnolo si sbarazza dello scozzese.

    -46. Dopo 10 giri le Ferrari hanno preso già un discreto margine su Robert Kubica. Hamilton si fa vedere minaccioso negli specchietti di Webber ma non dà mai la sensazione di poterlo passare. La classifica dei primi dieci vede Massa, Raikkonen, Kubica, Webber, Hamilton, Trulli, Kovalainen, Heidfeld, Alonso e Coulthard.

    -40. Pit stop per Webber. Rientra 12°

    -39. Pit stop per Massa, Rientra 4°

    -38. Pit stop per Raikkonen. Rientra 4° davanti a Felipe Massa. Al finlandese è bastato un giro a pista libera per prendere il vantaggio decisivo per scavalcare il compagno di squadra.

    -37. Pit stop per Hamilton. Uno problema con l’anteriore destra gli fa perdere 10 secondi abbondanti. Segno evidente che quando il weekend è storto, non basta una buona partenza per raddrizzarlo. L’inglese rientra 11°.

    -36. Pit stop per Kovalainen. Rientra 6°

    -35. Pit stop per Kubica. Rientra 3°

    -34. Pit stop per Alonso e Coulthard.

    -28. A metà gara e dopo che tutti si sono fermati almeno una volta la classifica è la seguente: Raikkonen, Massa, Kubica, Kovalainen, Trulli, Webber, Hamilton, Heidfeld.

    -26. Felipe Massa vede Raikkonen allontanarsi inesorabilmente. Probabilmente nel tentativo di non perdere definitvamente contatto osa troppo e perde il posteriore della vettura insabbiandosi. Gara finita per lui e sfumata una comoda quanto significativa doppietta per le Ferrari. Si apre il processo al brasliano.

    -19. Secondo e ultimo pit stop per Raikkonen. Rientra 2° dietro a Kubica.

    -17. Secondo e ultimo pit stop per Webber e Trulli.

    -16. Vettel si ritira.

    -15. Secondo e ultimo pit stop per Alonso e per Heidfeld che rientra davanti a Webber.

    -14. Secondo e ultimo pit stop per Kubica. Raikkonen ritorna in testa alla corsa.

    -12. Secondo e ultimo pit stop per Hamilton che rientra davanti a Webber.

    -10. A dieci giri dal termine le posizioni di vertice sono ormai consolidate. Per Raikkonen, Kubica e Kovalainen l’unica preoccupazione è raggiungere la bandiera a scacchi. Dietro Hamilton rimonta su Trulli.

    BANDIERA A SCACCHI. Kimi Raikkonen vince con distacco notevole su Kubica e abissale su Kovalainen. Hamilton raggiuge nel finale Trulli ma non riesce ad attaccarlo. Heidfeld, Webber e Alonso chiudono la zona punti.

    GP Malesia F1 2008, ordine di arrivo

    1. Raikkonen Ferrari (B) 1h31:18.555

    2. Kubica BMW Sauber (B) + 19.570

    3. Kovalainen McLaren-Mercedes (B) + 38.450

    4. Trulli Toyota (B) + 45.832

    5. Hamilton McLaren-Mercedes (B) + 46.548

    6. Heidfeld BMW Sauber (B) + 49.833

    7. Webber Red Bull-Renault (B) + 1:08.130

    8. Alonso Renault (B) + 1:10.041

    9. Coulthard Red Bull-Renault (B) + 1:16.220

    10. Button Honda (B) + 1:26.214

    11. Piquet Renault (B) + 1:32.202

    12. Fisichella Force India-Ferrari (B) + 1 lap

    13. Barrichello Honda (B) + 1 lap

    14. Rosberg Williams-Toyota (B) + 1 lap

    15. Davidson Super Aguri-Honda (B) + 1 lap

    16. Sato Super Aguri-Honda (B) + 2 laps

    17. Nakajima Williams-Toyota (B) + 2 laps