GP di Monaco, che delusione: tutto poteva succedere, ma non è successo niente!

Tutto poteva succedere, ma non è successo niente! Si potrebbe sintetizzare così l'andamento del Gran Premio di Monaco 2007

da , il

    Alonso Monaco 2007

    Tutto poteva succedere, ma non è successo niente! Si potrebbe sintetizzare così l’andamento del Gran Premio di Monaco 2007.

    Niente pioggia, niente sorpassi, niente errori di guida. Niente di niente. Si parte e si arriva nella stessa identica posizione: è questo quello che è successo ai primi quattro.

    Gli unici a variare la loro classifica rispetto al via, infatti, sono stati quelli che hanno pensato (male) di fare una strategia a due soste a favore di quelli che ne hanno fatta una sole e il più tardi possibile.

    Dici Montecarlo e dici imprevisti. Ma quest’anno hanno latitato pure loro e sembra che tutto il grosso sia successo sabato. Tolto Raikkonen, infatti, oggi solo Liuzzi e Sutil hanno fatto sussultare i commissari di percorso. Quanto alle temutissime ed annunciate rotture, escluso Webber non nuovo a fermate anticipate, per il resto è andato tutto liscio come l’olio.

    Poteva allora pensarci la pioggia a dare una scombussolata al monologo McLaren Mercedes. Ma l’atteso ingrediente in più, mentre mezza Europa era alle prese con temporali e uragani, ha pensato di laciar spazio ad un bel sole…

    Per dare un senso a questo Gran Premio sarebbe rimasto, quindi, solo il duello Alonso vs. Hamilton. Un duello a distanza ma pur sempre emozionante con i protagonisti impegnati a schivare le vetture più lente come farebbe uno slalomista con dei paletti sulla neve. Un duello avvincente e combattuto a suon di giri veloci che da solo sarebbe valso il prezzo del biglietto.

    Dico “sarebbe” perché poi si è scoperto che… non era niente vero! C’avremmo creduto, per carità. Se non fosse che, a fine gara, Ron Dennis ha fatto sapere di aver costretto i suoi piloti a rallentare già dopo 10 giri per evitare che la loro irruenza sciupasse una doppietta già scritta in partenza.

    Insomma. Anche l’ultimo motivo che c’era rimasto per poter dire che ne era valsa la pena stare svegli davanti alla Tv, è stato un bluff!

    Viste le premesse, possiamo sicuramente bollare questo GP come uno dei più deludenti della storia…