GP di Monaco F1: Raikkonen, Sutil, Alonso e Rosberg nella lunga lista degli scontenti

kimi raikkonen, fernando alonso, nico rosberg e adrian sutil per motivi diversi si possono indicare come i grandi delusi del gran premio di monaco che li ha visti tornare a casa con uno zero in classifica nonostante le brillanti aspettative dei giorni precedenti

da , il

    Raikkonen, Sutil, Alonso e Rosberg nella lunga lista degli scontenti

    Raikkonen, Sutil, Alonso e Rosberg. Sono decisamente loro i più delusi del Gran Premio di Monaco. Con situazioni e ambizioni completamente diverse alla vigilia, tutti e 4 tornano a casa a mani vuote e con una valigia zeppa di delusione.

    FATALISTA. Kimi Raikkonen cerca di prenderla con filosofia come suo solito. Per il campione del mondo, la partenza al rallentatore e la penalità per il ritardo nel montaggio degli pneumatici erano chiari segnali che la giornata sarebbe stata storta:“C’e’ stato un problema con una ruota prima della partenza e abbiamo commesso un’infrazione, che mi ha costretto ad un drive-through. Durante la corsa il problema principale e’ stato quello di far lavorare al meglio le gomme. Poi abbiamo deciso di cambiare la strategia perché ci aspettavamo che piovesse nuovamente ma cosi’ non e’ stato. Sono stato costretto due volte a cambiare il muso perché ho rotto l’ala anteriore. Come si vede, una lunga serie di eventi tutti negativi che spiegano lo 0 in classifica. Mi dispiace per Sutil. Quanto a me, è vero, ho perso il primato in classifica ma ho sempre detto che il campionato sarebbe stato molto lungo”.

    DISPIACIUTO. Fernando Alonso non fa drammi. Sapeva che la sua sarebbe stata una missione impossibile ed ha giocato il tutto per tutto. In questi casi o la va o la spacca e la seconda ipotesi è sempre la più probabile:“In condizioni normali avremmo potuto fare bene. Con la pioggia, invece, la corsa è cambiata così come la pista che in ogni momento era diversa. Ho fatto un errore ed abbiamo provato a cambiare strategia cercando di rischiare visto che non avevamo nulla da perdere. Purtroppo non è andata bene ma sarà per la prossima volta”.

    DISPERATO. Adrian Sutil non riesce a farsene una ragione dell’ingiusto tamponamento subito. E’ perfettamente consapevole che questo risultato sarebbe stato storico per sé e per la squadra. E’ altrettanto conscio che un treno simile, almeno per il 2008, non ripasserà più:“Non riesco a crederci. Mancava pochissimo ormai e il sogno è diventato incubo. Prima tutto era fantastico e poi, ad un tratto, devi accettare che è come non fosse successo niente. La strategie era stata ottima e il podio era vicinissimo. Saremmo sicuramente finiti a punti. Ho pianto dalla disperazione e l’essere comunque riuscito a mettermi in mostra non mi consola affatto”

    DISTRUTTO. Nico Rosberg c’ha provato in tutti i modi a rimettersi in corsa dopo la rottura dell’ala anteriore che l’ha costretto a rientrare ben presto ai box. La bagarre però è stata intensa e il biondo tedesco ha concluso la sua gara con un bel botto. E pochissima voglia di parlare.