GP di Turchia: diamo i numeri

da , il

    Grid Girls

    Diamo i numeri con le Pagelle di Derapate.

    Massa, primo. Fa una gara alla Schumacher per davvero. Alla campione! O aspirante tale. Da domani parleremo dell’importanza di riconfermarsi perché altrimenti questa vittoria non gli servirà a niente. Ma per oggi: BRAVO. Complimenti.

    Voto: 10 e lode perché ha svolto il compitino alla perfezione

    Alonso, secondo. Ecco la dimostrazione di cosa voglia dire avere una macchina solo discreta e darla in mano ad un campione. Fa con la Renault quello che Schumacher ha fatto per tanti anni con la Ferrari. Vale a dire: tiene su la baracca!

    Voto: 9 perché è forte davvero

    Schumacher, terzo. Se dovesse ritirarsi, non ricordiamolo così. Fa il Massa della situazione. Sbaglia in qualifica e sbaglia in gara. Ormai gli anni si sentono, altrimenti non ci si può spiegare un simile declino. Gli auguriamo di riuscire a congedarsi con onore, se lo merita. Ma, per come lo abbiamo visto stavolta, non è sembrato più in grado di fare la differenza.

    Voto: 4 per l’ennesima occasione sprecata

    Button, quarto. Vince per la seconda volta consecutiva il GP degli out-sider. Non guidando né Ferrari né Renault ottiene il massimo.

    Voto: 7,5 per la continuità

    De la Rosa, quinto. Parte undicesimo e poi con regolarità ottiene altri punti importanti. Al suo posto Montoya non avrebbe fatto di meglio per cui va già bene così. Certo è che non possiamo parlare di grande prestazione.

    Voto: 6,5 per l’affidabilità.

    Fisichella, sesto. Si autoelmina per non danneggiare Alonso. Da lì in poi va in rimonta con una tattica da una sosta. E’ fortunato a non essere eliminato da una collisione più grave, ma doveva uscire indenne dalla prima curva.

    Voto: 5,5 perché dopo il pasticcio ha rimontato.

    Ralf Schumacher, settimo. Anche lui in rimonta dopo la partenza arretrata e l’ingorgo al via. Azzecca le gomme giuste. Peccato per il motore sostituto.

    Voto: 6+ per i due punti

    Barrichello, ottavo. Largo alla prima curva e poi imbottigliato nel traffico. Dalla sua Honda stavolta poteva trarre di più. E per una volta che lo aveva fatto arrivare fino alla bandiera a scacchi…

    Voto 5 perché un punto è troppo poco

    Trulli, nono. Fuori dalla zona punti. Puntava sulle gomme per la gara e invece in gara si sono rivelate sbagliate pure loro. La safety car al momento sbagliato e il botto al via fanno parte della solita sfiga.

    Voto 5- perché stavolta è anche colpa sua

    Webber, decimo. Poteva finire a punti. Ancora una volta si stava mettendo in mostra e stava portanto qualcosa di buono alla Williams. Poi la safety car lo invita fermarsi ed a caricare più benzina (troppa!) e la vettura non risponde più come dovrebbe.

    Voto: 7 perché fosse per lui, la Williams…

    Raikkonen, ritirato. Ancora una volta si impegna per stare fuori dai guai, ma qualcuno gli rovina la festa. Sarebbe arrivato non più di quarto, probabilmente. Ma visto come vanno quelli davanti, era comunque accettabile.

    Voto: senza !