GP di Turchia: è caccia alla lepre

Il circuito di Istanbu avvantaggia chi sta davanti

da , il

    GP di Turchia: è caccia alla lepre

    Il circuito di Istanbul, nella sua particolarità, avvantaggia molto chi sta davanti. Con una buona partenza ed una tattica decente, Felipe Massa può tranquillamente replicare il successo nel Gran Premio di Turchia di un anno fa.

    Quanto a Raikkonen, nel migliore dei casi potrà arrivare secondo.

    Sul fronte McLaren Hamilton dovrà cercare di restare attaccato il più possibile alla Ferrari numero 5 e giocarsi tutto alla prima sosta, sperando che i cervelloni del suo team abbiano fatto i conti giusti. Fernando Alonso, invece, dovrà correre con molta attenzione. Per lui c’è la possibilità di limitare i danni ma a patto che la sua lentezza sia davvero dovuta ad un maggior carico di carburante.

    Riportiamo le dichiarazioni a caldo dei primi tre classificati.

    Felipe Massa: “Penso che abbiamo fatto un buon lavoro. Abbiamo fatto molte prove e mi trovo benissimo su questa pista. Qui non è facile trovare l’equilibrio e non è neanche facile superare per cui sono contento di essere davanti. Anche lo scorso anno sono partito primo. Spero di ripetermi”.

    Lewis Hamilton: “Al mio primo tentativo ho avuto la sensazione che qualcosa non andasse. Poi, comunque, ho trovato un giro buono e sono finito in prima fila. La vettura va bene. Durante la sosta abbiamo lavorato lo stesso molto per fare miglioramenti. Si poteva fare un po’ meglio ma per il momento va bene così”.

    Kimi Raikkonen: “Purtroppo ho fatto un piccolo errore di sovrasterzo e lì penso di aver perso la pole. E’ un peccato che sia andato così ma sono molto contento della macchina e per domani resto fiducioso”.

    Lo ripeto. La pista disegnata da Tilke favorisce lo spettacolo ma, basti ripensare al 2006 con Schumacher che non riuscì mai a superare Alonso nonostante fosse più veloce di un secondo al giro, chi sta davanti riesce a rovinare molto l’aerodinamica di chi insegue rendendo le rimonte molto difficoltose. Difficoltose soprattutto se ci si sta giocando qualcosa di grosso e non si può rischiare più di tanto.

    Nelle retrovie, infatti, lo spettacolo non mancherà. Tolte le BMW che potrebbero vedere, semmai, Heidfeld e Kubica fare a sportellate solo tra loro, rimangono solo due posti liberi nei punti e almeno 7/8 lupi affamati.