GP di Turchia: i ritirati

da , il

    Raikkonen

    Kimi Raikkonen:”Ho fatto una cattiva partenza. Ho provato ad evitare Fisichella, ma all’improvviso sono stato tamponato sulla mia gomma posteriore sinistra. Ho guidato per quasi un giro con il pneumatico danneggiato per raggiungere i box cosa che sono riuscito a fare. La squadra ha cambiato le gomme ma la vettura aveva subito anche altri danni infatti quando sono rientrato in pista sono uscito alla curva 4 ed ho sbattuto contro le barriere. Sono ovviamente dispiaciuto di come sono andate le cose, ma sono cose che accadono.”

    Tonio Liuzzi:”Sono partito bene, ma oggi non avevamo veramente il passo per reggere il ritmo dei primi. Abbastanza presto, ho cominciato ad aver problemi con la macchina, e ad andare sempre piu’ piano. Poi, al 12° giro, alla prima curva, credo che il retrotreno si sia bloccato quand’ero alla corda e non ho potuto evitare il testacoda. E’ stata la fine della mia gara, dato che il motore si e’ spento.”.

    David Coulthard:”Non e’ il risultato che ci aspettavamo. Il bilanciamento della vettura era migliorato dopo aver modificato la pressione delle gomme anteriori e l’indenza dell’ala durante il primo pit stop. Eravamo competitivi in tutte le sezioni rispetto alle vetture intorno a noi e verso la fine della gara stavo per attaccare Webber. Ho pensato di sorpassarlo, ma un problema al cambio mi ha costretto al ritiro.”

    Nico Rosberg:”Per certi versi e’ stata una giornata positiva. Ho avuto un buon inizio e sono stato capace di guadagnare parecchie posizioni al primo giro, grazie alle collisioni degli altri. Ma la cosa piu’ importante di oggi e’ che l’automobile andava bene e, a differenza di ieri, mi dava fiducia. Abbiamo fatto alcuni cambiamenti elettronici prima di andare in griglia, cosa che ci ha aiutato davvero. La corsa era addirittura divertente e stavo spingendo senza alcuna preoccupazione di commettere errori, ed era positivo vedere la nostra vettura mostrare un grande ritmo. L’altro aspetto della giornata e’ stato ovviamente molto piu’ deludente. A meta’ corsa il mio ingegnere mi ha detto che stavamo perdendo pressione al circuito di raffreddamento. E’ stato un’autentico disappunto non poter finire questa gara”.