GP d’Ungheria: apnea Ferrari con passo lungo e gomme morbide? Raikkonen non ha paura

La Ferrari si prepara al GP d'Ungheria 2007 temendo passo lungo e gomme morbide

da , il

    GP d'Ungheria: Ferrari con passo lungo e gomme morbide. McLaren prepara l'allungo

    Non poteva capitare in un momento peggiore della stagione il Gran Premio d’Ungheria per la Ferrari. Ma se la McLaren già si pregusta una doppieta comoda, Kimi Raikkonen nel suo “quasi GP di casa” è convinto di poter rendere la vita molto difficile alla sua ex-squadra.

    Dopo la mancata penalizzazione McLaren e dopo l’ennesimo problema di affidabilità al Nurburgring, la Ferrari si trova ancora staccata in classifica e con l’obbligo matematico di rosicchiare punti al team anglotedesco a partire da SUBITO.

    Il circuito dell’Hungaroring, però, è il luogo peggiore dove riporre speranze di ribalta. E alla McLaren lo sanno. Tant’è che Norbert Haug già fa pensieri positivi:“Le caratteristiche del circuito di Budapest sono totalmente diverse da quelle del recente Gran Premio al Nurburgring. Con una velocita’ media al giro di quasi 200 Km/h si tratta della seconda pista piu’ lenta dopo Monaco. La trazione e il preciso posizionamento in entrata delle curve rappresentano i fattori chiave; non ci sono curve estremamente veloci. Il nostro obiettivo per l’Ungheria e’ chiaro: se possibile, vogliamo estendere il vantaggio in entrambi i campionati”.

    Nella pista del Circus che più ricorda Montecarlo, la Ferrari non solo deve dimostrare di essere cresciuta rispetto all’umiliante sconfitta patita tra i muretti del Principato, ma deve persino combattere contro il suo passo lungo e contro la sua difficoltà nella gestione delle gomme extramorbide che la Bridgestone ha portato a Budapest per l’occasione.

    Il clima è da mission impossible. L’imperativo sembra quello di limitare i danni. Ma è difficile fare un ragionamento del genere vedendo la classifica costruttori da una parte e Kimi Raikkonen dall’altra. In finlandese, spinto dai suoi tifosi che numerosi accorreranno dalla “vicina” Finlandia, spera in una domenica da leone per mettersi alle spalle sfighe e avversari per continuare a crederci:“Tutti dicono che li’ la McLaren dovrebbe andare piu’ forte di noi ma non credo che sia cosi’. Abbiamo fatto un bel passo avanti rispetto alla gara di Monaco e sara’ quindi interessante vedere quanto saremo competitivi questo fine settimana. L’Hungaroring e’ molto lento e tortuoso quindi due aspetti sono fondamentali, l’inserimento in curva e la trazione. Continuo a credere che sia possibile vincere il titolo: basta guardare all’ultima corsa per capire che tutto puo’ accadere ma io non posso più permettermi passi falsi. Tantissimi miei connazionali affollano le tribune dell’Hungaroring ed e’ sempre piacevole vedere tante bandiere bianche con la croce blu sventolare: stavolta lo faranno insieme a quelle rosse della Ferrari. Credo che questo sia il massimo che possa ottenere come Gran Premio di casa, a meno che Bernie non abbia in serbo una sorpresa delle sue!”