GP Germania F1 2010: la Ferrari ci crede

Partono bene le Ferrari, ma questa volta, sul circuito di Hockenheim, si augurano di finire altrettanto positivamente

da , il

    felipe_massa

    Scende la pioggia sul circuito di Hockenheim dove oggi hanno preso il via le prime sessioni di prove libere del gran premio di Germania. Se è vero che con l’acqua i veri campioni escono allo scoperto, è anche vero che i tempi del venerdì solitamente non sono molto indicativi. Per i team, la prima giornata è infatti soprattutto un banco di prova per raccogliere dati importanti e testare i vari aggiornamenti in vista delle qualifiche. E a brillare sotto l’acqua sono state prima la Force India di Sutil, e successivamente la Ferrari di Alonso – che al mattino si era perso oltre la metà della classifica -, con Massa fedele in seconda posizione in entrambe le sessioni. Volano come sempre le Red Bull, mentre le McLaren inseguono a fatica.

    FERRARI F1. Giornata importante per il team del cavallino, che fin dalle prime ore del mattino è stata sotto i riflettori per una notizia riguardante un possibile arrivo di Flavio Briatore a Maranello. La Ferrari , dopo il tentativo fallito di riprendersi a Silverstone, ci riprova a Hockenheim, e per ora dimostra di essere in forma. Soddisfatto il team principal, Stefano Domenicali, che ultimamente ha dovuto ingoiare una serie di rospi e non vede l’ora che la rossa possa tirare un sospiro di sollievo e cominciare a godersi di nuovo delle vittorie, puntando sempre dritto al titolo iridato. “È sempre un piacere inaugurare il weekend in questo modo, anche se sappiamo bene che i risultati di oggi significano poco o niente e soprattutto, abbiamo visto com’è andata a finire nelle ultime due gare, dopo che il venerdì i nostri piloti erano in testa…”. “Superstizione a parte, volevamo portare a termine il nostro programma e ci siamo riusciti, nonostante il tempo così mutevole. Ora dobbiamo concentrarci sulle qualifiche di domani: le vedo molto combattute, e così anche la gara. Le Red Bull sono le più veloci, ma noi non siamo da meno”.

    FERNANDO ALONSO. Ci va con i piedi di piombo anche il pilota di Oviedo, che dopo le ottime performance nelle libere è ormai abituato a vedersi scavalcare nelle qualifiche, per questo sa bene che per conquistarsi la prima fila sulla griglia di partenza, sia lui che Massa dovranno fare molto di più. “Il tempo di oggi ha reso ancora più complicato capire a che punto si trovano realmente gli altri team, ma in termini di set-up possiamo dire di essere sulla strada giusta, anche se dobbiamo migliorare un po’ il bilanciamento della monoposto. Con il tracciato in queste condizioni e le temperature così basse, è importante essere molto prudenti con le gomme: non rovinarle subito, specialmente le morbide, in modo da poter valutare la loro usura in vista della gara”.

    FELIPE MASSA. Un buon inizio per il brasiliano della Ferrari che, anche se pur sempre alle spalle del compagno di squadra, è riuscito a tenersi stretta la seconda posizione in entrambe le sessioni. Contento dunque, ma prudente così come il resto della squadra.Un inizio positivo qui a Hockenheim, ma è ancora troppo presto per tirare delle conclusioni. Domani e domenica dovremo essere preparati al massimo per non faci prendere di sorpresa dal tempo che sembra cambiare in continuazione. Stesso discorso vale per le gomme: le morbide vanno molto bene, mentre le prime sono decisamente troppo dure per questo tipo di tracciato”. Massa ha quindi concluso parlando degli ultimi aggiornamenti apportati alla F10, che sembrano funzionare molto bene, confermando così i progressi fatti sulla monoposto. Il ferrarista ha voluto poi congratularsi con la Sauber, per i quarant’anni del team svizzero nel mondo dell’automobilismo: “Ho iniziato la mia carriera con loro e mi auguro che possano continuare a correre per molti anni ancora”.