GP Germania F1 2012: Red Bull sotto inchiesta a poche ore dalla partenza!

Formula 1: Red Bull sotto inchiesta da parte della FIA per la mappatura del motore a poche ore dalla partenza del GP di Germania 2012

da , il

    F1 Germania 2012 -red bull sotto inchiesta

    Clamoroso ad Hockenheim! La Red Bull è sotto inchiesta da parte della FIA a poche ore dalla partenza del Gran Premio di Germania. Il delegato tecnico Jo Bauer ha messo nel mirino la mappatura del motore. Sempre lei. Secondo l’uomo di Jean Todt, la coppia massima erogata a regimi medi sarebbe inferiore rispetto a quella degli eventi precedenti. Ciò lascerebbe intuire il “solito/insolito” utilizzo dei gas di scarico con finalità (vietate) di tipo aerodinamico! Il regolamento, articolo 5.5.3 per la precisione, prevede che il motore sia nella condizione di aumentare il valore della coppia all’aumentare dei giri nel regime di utilizzo medio. In caso contrario, si può sostenere che ci siano le appena citate interferenze positive nella tanto discussa area degli scarichi e dell’aerodinamica.

    Red Bull sotto inchiesta in Germania

    Probabilmente la questione sarà analizzata al termine del Gran Premio di Germania. Ciò significa che Webber e Vettel correranno con molti punti interrogativi sul fatto che il loro risultato sarà confermato dalla FIA nell’arco delle successive ore. La situazione ricorda molto quella di Montecarlo quando le lattine volanti scesero in pista con dei grossi dubbi sulla regolarità del loro fondo “bucato”. In effetti quella soluzione fu successivamente ritenuta illegale ma la vittoria conquistata sulle strade del Principato di Monaco non fu oggetto di contestazione. Con la speranza che, nel peggiore dei casi, si arrivi ad una decisione simile, il team principal Christian Horner, il direttore tecnico Adrian Newey ed il responsabile dei motori Renault forniti alla scuderia di Milton Keynes sono stati a colloquio con i commissari di Hockenheim poche ore fa. In molti fanno notare uno strano cambiamento di rotta. Fino allo scorso anno la Red Bull sfornava soluzione tecniche al limite del regolamento che facevano imbestialire i rivali poiché mai sanzionate dalla Federazione Internazionale dell’Automobile. Quest’anno, invece, sembra che non vogliano fargliene passare liscia una.

    AGGIORNAMENTO. La FIA ha deciso di limtiarsi ad una ammonizione nei confronti della Red Bull. In vista del prossimo Gran Premio, però, il regolamento sarà modificato per rendere illegale comportamenti analoghi

    Perez penalizzato di 5 posizioni in griglia di partenza

    Sempre in tema di sanzioni, annotiamo il quarto arretramento di cinque posizioni in griglia di partenza. Dopo quelli di Rosberg, Grosjean e Webber per sostituzione anticipata del cambio, la scure dei commissari si è abbattuta anche su Sergio Perez. Il messicano della Sauber ha chiuso la traiettoria in modo scorretto sia a Kimi Raikkonen che a Fernando Alonso nel corso della seconda manche delle qualifiche. Il ripetersi della scorrettezza ha fatto sì che la sua piazzola di partenza, quindi, sia passata dalla 12ma alla 17ma.