GP Germania F1 2013, Vettel: vittoria sudata! Lotus risorte, Mercedes sparite [FOTO]

Il Gran Premio di Germania 2013 di Formula 1 incorona la Red Bull e Sebastian Vettel già campioni del mondo per la quarta volta consecutiva! Non ce la fanno le Ferrari, la Lotus o le Mercedes ad avere la stessa costanza di rendimento

da , il

    GP Germania F1 2013, Vettel: vittoria sudata! Lotus risorte, Mercedes sparite

    Siamo esagerati se diciamo che il Gran Premio di Germania 2013 di Formula 1 incorona Sebastian Vettel già campione del mondo per la quarta volta consecutiva? Lasciamo stare pure la sorridente situazione in classifica mondiale e guardiamo solo alle prestazioni. Non solo la Red Bull è la macchina più forte, ma il pacchetto pilota-squadra riesce persino ad avere la meglio sui rivali quando la situazione è difficile. Oggi dovevano essere perfetti per rintuzzare i temibili attacchi delle Lotus. E lo sono stati! Sono quelli di Milton Keynes, inoltre, gli unici a non conoscere questioni: qualsiasi gomme e qualsiasi temperatura ci sia in pista sono sempre là davanti.

    Red Bull: gara perfetta per Vettel

    “Vettel ha fatto una gara perfetta – è stato il commento a caldo di Chris Horner - E’ stata una prestazione fantastica anche sotto pressione. Spero si possa vincere il campionato! Ci stiamo riuscendo”. Alla faccia della scaramanzia. La Red Bull è ben conscia della propria forza. “Sono stato anche fortunato oggi - ha detto Sebastian Vettel parlando dal podio del GP di Germania - E’ stata una gara incredibile. Ho spinto molto e sono contento del risultato. Ho sentito la pressione di Kimi e anche di Romain. La Lotus era molto forte oggi anche perché sono riusciti a sfruttare al meglio le gomme. E’ stato difficile ma alla fine siamo riusciti a difenderci nel modo giusto. Sono felice che la corsa sia finita al 60° giro e non al 62°…”

    Raikkonen: “Due giri in più per la vittoria”

    Due giri in più sono quelli citati anche da Kimi Raikkonen:“C’è stato un problema alla radio. Io sentivo loro ma loro non potevano sentire me. E’ un peccato perché oggi c’era molto da dire. Potevamo vincere. Se ci fosse stato qualche giro in più sarebbe stato meglio. E importante comunque aver fatto punti per il campionato e per la squadra con due macchina sul podio”. Grosjean torna a guardare un po’ di gente dall’alto togliendosi anche il lusso di regalare la seconda posizione al compagno di squadra per ordini di scuderia:“Abbiamo fatto una corsa molto forte con un ottimo primo stint. Pensavo di avere delle possibilità di lottare con Sebastian. Penso sia stato ottimo fare due strategie diverse con due macchine diverse. Alla fine Kimi era più veloce”.

    Mercedes: i delusi di giornata

    Quelli della Mercedes sapevano che avrebbero sofferto ma non pensavano di dover faticare così tanto. Rispetto ad una settimana fa a Silverstone sono cambiate le gomme Pirelli. Ed anche il loro risultato. Che sia colpa delle nuove mescole è la teoria di un adirato Nico Rosberg:“La macchina scivolava dappertutto. Con queste gomme squadre come la Lotus e la Red Bull vanno molto bene mentre noi fatichiamo. E’ strano perché una settimana fa noi eravamo davanti a tutti mentre ora ci sono Ferrari e Lotus dietro alla Red Bull. E’ evidente che cambiando le gomme si cambiano i valori in campo”. Lewis Hamilton si toglie la maschera ed ammette di credere nel titolo mondiale. A patto, ovviamente, di ritrovare in fretta la competitività perduta:“E’ stato un vero disastro oggi. Anche Nico ha avuto gli stessi problemi miei. Partire in pole position e chiudere quinto è deludente. Sto perdendo punti in campionato e sto cadendo sempre più indietro in classifica. Non capisco come mai gli altri team fanno meglio di noi in gara quando siamo stati i più veloci in qualifica. Spero che si possa essere fortunati con le nuove gomme che la Pirelli porterà dal prossimo GP. Per noi sarebbe stato buono andare ai test ma recupereremo lo stesso prima della prossima corsa”.