GP Giappone F1 2011: vince Button! Ferrari 2a con Alonso, Vettel campione del mondo

Formula 1: cronaca del Gran Premio del Giappone 2011

da , il

    jenson button gran premio giappone f1 2011

    E’ Jenson Button il vincitore del Gran Premio del Giappone di Formula 1 2011. Nella gara che lo porta alla vittoria del titolo mondiale, la vita non è facile per Sebastian Vettel a causa di un degrado particolarmente spiccato degli pneumatici Pirelli si trova a dover cedere il primo posto al rivale della McLaren. Buona la gara della Ferrari che sale sul podio grazie a Fernando Alonso e ad una buona gestione di gomme e strategie. Ancora pasticci per Hamilton che arriva nuovamente ai ferri corti con Massa.

    PARTENZA. Tutti i top driver montano gomme morbide. Vettel è in pole position davanti a Button, Hamilton, Massa, Alonso e Webber. Allo spegnersi dei semafori il tedesco della Red Bull conserva la prima posizione stringendo sull’erba il rivale della McLaren. Ne approfitta Hamilton che sale in seconda posizione. I commissari si chiedono se la manovra sia lecita. Dopo qualche minuto decidono di non penalizzare il leader del campionato. Al termine del primo giro la classifica è la seguente: Vettel, Hamilton, Button, Massa, Alonso, Webber, Schumacher, Di Resta, Sutil e Petrov.

    GIRO 06. Alonso supera Massa e sale al quarto posto.

    GIRO 08. Foratura per Hamilton. Primo pit stop.

    GIRO 09. Anche Vettel ha problemi di gomme. Pit stop anche per lui.

    GIRO 10. Tutti imitano il leader della gara. Pit stop per Button, Alonso e Webber.

    GIRO 11. Pit stop di Massa. La nuova classifica vede Vettel al comando seguito da Button, Alonso, Hamilton, Massa, Webber, Schumacher, Sutil e Di Resta. Distacchi piuttosto contenuti per i primi sei.

    GIRO 19. Secondo pit stop di Vettel e Webber.

    GIRO 20. Secondo pit stop di Button che rientra in pista davanti a Vettel prendendo la testa della corsa.

    GIRO 21. Pit stop di Alonso ed Hamilton. Il pilota McLaren arriva ai ferri corti con Massa nel tentativo di difendersi da un attacco del pilota Ferrari. Ha la peggio il brasiliano che si ritrova con l’ala anteriore leggermente danneggiata.

    GIRO 22. Pit stop di Massa. Il box Ferrari decide di non sostituire l’ala anteriore.

    GIRO 24. I detriti dello scontro tra Massa e Hamilton aggiunti a quelli di un piccolo contatto tra Schumacher e Webber obbligano i commissari a far uscire la safety car per pulire la pista. La situazione in classifica vede Button davanti a Vettel, Alonso, Webber, Massa, Hamilton e Schumacher.

    GIRO 26. La gara riparte. Posizioni invariate.

    GIRO 33. Terzo pit stop di Vettel che, come tutti quelli che lo seguiranno, monta gomme a mescola più dura. Il pilota Red Bull scivola in decima posizione in mezzo al gruppo accumulando un certo ritardo sui primi.

    GIRO 34. Terzo pit stop di Webber.

    GIRO 35. Terzo pit stop di Hamilton.

    GIRO 36. Terzo pit stop di Button e Massa.

    GIRO 37. Terzo pit stop di Alonso che si trova davanti a Vettel. Fasi caotiche. Con le mescole più dure cambiano gli equilibri. Hamilton supera Massa.

    GIRO 40. Button è primo seguito da Alonso. Il pilota Ferrari è distante 4 secondi e tallonato da Vettel, Webber è staccato di 5 secondi dal compagno di box. Seguono Hamilton, Schumacher e Massa.

    GIRO 53. E’ Jenson Button il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi. Il pilota McLaren se la vede brutta in partenza a causa di una manovra al limite del regolamento di Vettel che, difendendo la propria prima posizione, lo porta con due ruote sull’erba. L’inglese, però, non demorde e con una consistenza unica riesce nell’arco di venti giri a salire in vetta ad un GP del Giappone dai distacchi minimi a fine gara. Sul podio salgono anche Fernando Alonso e Sebastian Vettel. Lo spagnolo si trova una Ferrari finalmente competitiva e non delude. Negli ultimi giri il pilota Red Bull molla la presa sull’asturiano e punta a raggiungere il traguardo per avere la matematica certezza della vittoria del titolo mondiale. A punti anche Webber, Hamilton, Schumacher, Massa, Perez, Petrov e Rosberg.

    GP Giappone F1 2011: ordine di arrivo

    1. Button McLaren-Mercedes 1h30:53.427

    2. Alonso Ferrari + 1.160

    3. Vettel Red Bull-Renault + 2.006

    4. Webber Red Bull-Renault + 8.071

    5. Hamilton McLaren-Mercedes + 24.268

    6. Schumacher Mercedes + 27.120

    7. Massa Ferrari + 28.240

    8. Perez Sauber-Ferrari + 39.377

    9. Petrov Renault + 42.607

    10. Rosberg Mercedes + 44.322

    11. Sutil Force India-Mercedes + 54.447

    12. Di Resta Force India-Mercedes + 1:02.326

    13. Kobayashi Sauber-Ferrari + 1:03.705

    14. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari + 1:04.194

    15. Maldonado Williams-Cosworth + 1:06.623

    16. Senna Renault + 1:12.628

    17. Barrichello Williams-Cosworth + 1:14.191

    18. Kovalainen Lotus-Renault + 1:27.824

    19. Trulli Lotus-Renault + 1:36.140

    20. Glock Virgin-Cosworth + 2 laps

    21. D’Ambrosio Virgin-Cosworth + 2 laps

    22. Ricciardo HRT-Cosworth + 2 laps

    23. Liuzzi HRT-Cosworth + 2 laps