GP Giappone F1 2012, Alonso dopo il ritiro:”Tutto può ancora succedere!”

Formula 1: Fernando Alonso commenta il ritiro del Gran Premio del Giappone 2012

da , il

    GP Giappone F1 2012, Alonso dopo il ritiro:"Tutto può ancora succedere!"

    Il Gran Premio del Giappone di F1 2012 di Fernando Alonso finisce alla prima curva. Il pilota della Ferrari non accusa Kimi Raikkonen per avergli forato la gomma. In effetti, l’episodio va archiviato come normale incidente di gara con il finlandese che non fa nulla per evitare il contatto e lo spagnolo che scarta troppo verso sinistra. Eppure, quanto accaduto è drammatico per la classifica del campionato mondiale. La F2012 doveva correre in difesa e poteva amministrare un piccolo vantaggio contro il ritorno infuocato della Red Bull. Ora, come lo stesso Alonso fa notare, la stagione riparte da zero con cinque gare finali e decisive. La buona notizia per la Ferrari, semmai, è che non ci sono più altri avversari. Raikkonen non fa paura ed Hamilton ha dato più di una ragione per pensare di aver mentalmente mollato. Il rapporto con il team McLaren, dopo il mancato rinnovo del contratto, è da separati in casa.

    Alonso: “Ora inizia un nuovo campionato”

    “Kimi mi ha toccato la ruota ed ho bucato. Non ho potuto continuare ed è stato un peccato – ha dichiarato Fernando Alonso dopo il ritiro di Suzuka prima di lasciare il circuito in tutta fretta quando il Gran Premio era ancora in corso - La vettura in gara si è comportata un po’ meglio ma credo che Massa sia davanti anche per delle circostanze visto che ieri eravamo messi male ed il risultato delle qualifiche è stato chiaro. Abbiamo la stessa macchina da 5 gare, non mi aspettavo grosse sorprese”. Lo spagnolo cerca di trattenere il nervosismo provando a pensare al prossimo Gran Premio di Corea:“Oggi è andata male a noi ma domani può andare male agli altri. Adesso ci troviamo praticamente a pari punti con 5 gare dalla fine e magari domenica prossima può succedere a qualcun altro di avere un problema”.

    Raikkonen: “Non è colpa mia”

    Kimi Raikkonen spiega l’incidente della prima curva dal suo punto di vista:“La mia partenza è stata abbastanza buona. Io sono rimasto sulla sinistra e sono stati gli altri che si sono spostati verso di me. Ho toccato con l’ala anteriore la gomma posteriore sinistra di Alonso ma non potevo spostarmi oltre anche perché ho messo pure due ruote sull’erba”. Difesa perfetta. L’unica critica che si può fare al finlandese è di essere stato poco prudente e aver voluto a tutti i costi tenere giù il piede nonostante fosse dietro allo spagnolo. E’ stato fortunato a non restare coinvolto ma, come dimostrano i danni alla sua ala anteriore, poteva andargli molto peggio.

    Hamilton si arrende:”E’ Alonso quello che deve preoccuparsi”

    Ad inizio stagione si diceva che il 2012 fosse iniziato con un clima da separati in casa per Hamilton e la McLaren. Ora che il divorzio è ufficiale, si notano tanti piccoli grandi dettagli che fanno capire quanto sia difficile per l’inglese credere nella conquista del titolo mondiale. Il team lo mette al muro accusandolo di scelte tecniche sbagliate. Lui fa la faccia di quello che neanche vorrebbe correrle le ultime cinque gare e dichiara:“Non ci stati problemi particolari. La macchina è andata migliorando nel corso della gara ma sono successe delle cose che non sono in grado di spiegarmi. La Red Bull ci preoccupa? Credo che soprattutto Fernando adesso non sia tranquillo”. Proprio quest’ultima affermazione suona davvero come un chiamarsi fuori dalla lotta. Ricordiamo che i punti di distanza di Lewis dal vertice della classifica sono 38.

    FOTOGALLERY GRAN PREMIO DEL GIAPPONE 2012