GP Giappone F1 2012, qualifiche: Vettel 1° è salvo, niente sazione! Ferrari 6a con Alonso

Formula 1: qualifiche del Gran Premio del Giappone 2012 sul circuito di Suzuka

da , il

    Ap/LaPresse

    Va a Sebastian Vettel la pole position nelle qualifiche del Gran Premio del Giappone di Formula 1 2012. Sul circuito di Suzuka va in scena un’inedita versione della Q3. Kimi Raikkonen perde il controllo della Lotus facendo sventolare le bandiere gialle ai commissari ed impedendo a chi gli sta dietro di migliorare. Nessun pericolo per le due Red Bull che dominano in lungo e largo ma qualche problema di troppo per Fernando Alonso e Lewis Hamilton che devono accontentarsi del settimo e nono tempo. Grazie alla retrocessione di Button, lo spagnolo della Ferrari partirà sesto. A meno che… a meno che i commissari non rivelino alcune scorrettezze di alcuni piloti che, anziché rallentare, hanno fatto segnare il loro giro veloce nonostante le bandiere gialle. Staremo a vedere… Vettel, intanto, si salva con una reprimenda per aver ostacolato Alonso

    ORE 11.20 – post qualifiche Finalmente sappiamo il destino di Vettel. Nessuna sanzione per lui e solo una reprimenda

    ORE 09.50 – post qualifiche Vergne retrocesso di tre posizioni in griglia per aver rallentato Bruno Senna nella Q1. L’attesa, però, è tutta per le sorti di Vettel!

    ORE 09.10 – post qualifiche Clamoroso! Vettel sotto investigazione per aver rallentato Alonso nella Q3. Entrambi sono a colloquio con i commissari di gara

    ORE 08.20 – post qualifiche Nico Hulkenberg retrocesso di 5 posizioni per sostituzione anticipata del cambio. Passa da decimo a quindicesimo.

    ORE 08.00 – Q3 Pasticcio di Raikkonen! Il finlandese va in testacoda e si ferma in mezzo alla pista. I commissari sventolano le bandiere gialle ed i piloti che arrivano non possono migliorare il loro tempo. Vettel è in pole position affiancato da Webber. Completano la classifica Button, Kobayashi, Grosjean, Perez, Alonso, Raikkonen, Hamilton e Hulkenberg. I commissari adesso dovranno verificare bene quanto accaduto dato che, dopo il testacoda di Raikkonen, alcuni piloti hanno comunque migliorato i loro tempi mentre altri, vedi Alonso ed Hamilton, hanno chiaramente alzato il piede.

    Ecco la classifica dei primi dieci:

    1. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m30.839s

    2. Mark Webber Red Bull-Renault 1m31.090s + 0.251

    3. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m31.294s + 0.451

    4. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m31.700s + 0.861

    5. Romain Grosjean Lotus-Renault 1m31.989s + 1.059

    6. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m32.022s + 1.183

    7. Fernando Alonso Ferrari 1m32.114s + 1.275

    8. Kimi Raikkonen Lotus-Renault 1m32.208s + 1.369

    9. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m32.327s + 1.488

    10. Nico Hulkenberg Force India-Mercedes no time

    ORE 07.58 – Q3 Tocca ora ad Alonso, Hulkenberg, Kobayashi e Perez fare il giro veloce. Un solo tentativo per loro. In pista ci sono anche gli altri. E’ tutto pronto per il gran finale!

    ORE 07.55 – Q3 Dopo il primo tentativo, Vettel e Webber comandano la classifica seguiti da Button, Grosjean, Raikkonen e Hamilton. L’anglocaraibico non sembra avere lo stesso smalto delle ultime uscite. Il distacco inflitto ai rivali di McLaren e Lotus – dai 4 decimi in su – fa capire che oggi le Red Bull sono su un altro pianeta!

    ORE 07.51 – Q3 I primi a scendere in pista sono Hamilton e Button. Li seguono Vettel, Webber, Raikkonen e Grosjean. Restano al box Alonso, Hulkenberg, Kobayashi e Perez.

    ORE 07.50 – Q3 Inizia la manche decisiva. Tempo a disposizione: 10 minuti. Vettel è il favorito assoluto per la pole position.

    ORE 07.44 – Q2 Vettel, Button e Webber restano al box, sicuri del loro tempo. Il tedesco comanda con 1.31.501 e rifila dai 2 ai 3 decimi abbondanti ai suoi avversari che migliorano ma non riescono ad impensierirlo. Al termine dei 15 minuti sono eliminati Massa, Di Resta, Schumacher, Maldonado, Rosberg, Ricciardo e Vergne. Hulkenberg, decimo, si salva per due centesimi. Questa la classifica di chi è fuori:

    11) Massa 1m32.293s

    12) di Resta 1m32.327s

    13) Schumacher 1m32.469s

    14) Maldonado 1m32.512s

    15) Rosberg 1m32.625s

    16) Ricciardo 1m32.954s

    17) Vergne 1m33.368s.

    ORE 07.38 – Q2 Vettel fa segnare subito il miglior tempo seguito da Button, Webber, Hamilton e Massa. Nelle retrovie, Schumacher non esce dal box. A rischio Mercedes, Toro Rosso, Force India e Maldonado con la sola Williams rimasta in lotta. Tutti i piloti, con la sola eccezione del sette volte iridato, hanno completato un tentativo cronometrato ed ora sono fermi al box per prepararsi al successivo. Nel primo, la stragrande maggioranza ha usato gomme soft usate. Prima della fine della sessione faranno un ulteriore giro veloce con soft nuove. Sarà quello decisivo

    ORE 07.25 – Q2 Ripartono le qualifiche. Inizia la seconda manche, durata: 15 minuti.

    ORE 07.22 – Q1 Con un guizzo nel finale, Schumacher si salva! Tra gli eliminati, a fare compagnia ai soliti Kovalainen, Glock, De La Rosa, Pic, Petrov e Karthikeyan c’è Bruno Senna. Il pilota della Williams, però, si lamenta dell’ostruzionismo subito da una Toro Rosso al termine del suo giro buono. Si prevede un intervento dei commissari di gara nei confronti di Vergne. Il più veloce di manche è Grosjean con 1.32.029. Questa la classifica di chi è fuori:

    18) Senna 1m33.405s

    19) Kovalainen 1m34.657s

    20) Glock 1m35.213s

    21) de la Rosa 1m35.385s

    22) Pic 1m35.429s

    23) Petrov 1m35.432s

    24) Karthikeyan 1m36.734s.

    ORE 07.17 – Q1 A tre minuti dal termine, Kimi Raikkonen si porta in testa con 1.32.221. Schumacher commette un errore nel suo primo tentativo ed ora si gioca tutto nell’ultimo giro. Sarà lui a fare compagnia a HRT, Marussia e Caterham? Il tedesco ha atteso troppo prima di entrare in pista ed ora questa strategia rischia di rivelarsi del tutto controproducente.

    ORE 07.13 – Q1 Arriva Vettel e si prende il primo posto con il tempo di 1.32.608. Hamilton non riesce a fare meglio del quarto crono di manche per il momento. In zona pericolo ci sono, oltre a HRT, Marussia e Caterham, le due Toro Rosso di Vergne e Ricciardo.

    ORE 07.10 – Q1 A metà dei venti minuti a disposizione, la prima mance fatica ad entrare nel vivo. Felipe Massa ha fatto segnare il miglior tempo con 1.32.946. Tra i big, solo Vettel e Schumacher non hanno ancora completato giri cronometrati. Curiosamente, Alonso non riesce a superare il brasiliano ed accusa tre decimi di ritardo

    ORE 07.00 – Q1 Si comincia. I primi a scendere in pista sono i piloti della Force India. Via via si preparano ad un assaggio dell’asfalto tutti gli altri. Per il momento si gira con gomme dure.

    ORE 06.50 Sette ore di fuso orario separano l’Italia dal Giappone. A Suzuka sono le ore 13.50 quando i team si preparano a tre tiratissime sessioni di qualifica. La temperatura dell’aria è di 26 gradi, quella dell’asfalto è di 37. Vento a 2 metri al secondo, umidità al 42%. Le mescole portate dalla Pirelli sono le hard silver e le soft yellow. Ricordiamo che, rispetto alla griglia di partenza stilata in base ai tempi sul giro fatti registrare oggi, Jenson Button sarà arretrato di 5 posizioni come penalità per la sostituzione anticipata del cambio sulla sua McLaren. Michael Schumacher, invece, retrocederà di 10 posizioni per aver causato un incidente nel precedente GP di Singapore. Stessa sorte per Bruno Senna.

    ORE 06.45 Tutto pronto per le qualifiche del Gran Premio del Giappone di Formula 1 2012. Derapate.it seguirà in diretta live l’evento dando aggiornamenti in tempo reale su ciò che sta accadendo sul circuito di Suzuka. Al termine dell’ultima sessione di prove libere, dominio Red Bull con la Ferrari in decisa difficoltà a copiare i tempi di Sebastian Vettel e Mark Webber. Le McLaren di Jenson Button e Lewis Hamilton, altre grandi protagoniste attese, si sono nascoste ma promettono battaglia, Per leggere gli ultimi aggiornamenti, è sufficiente entrare ricaricare la pagina di questo articolo.

    GP Giappone F1 2012: griglia di partenza

    1. Sebastian Vettel Red Bull-Renault 1m30.839s

    2. Mark Webber Red Bull-Renault 1m31.090s + 0.251

    3. Jenson Button McLaren-Mercedes 1m31.294s + 0.451 *

    4. Kamui Kobayashi Sauber-Ferrari 1m31.700s + 0.861

    5. Romain Grosjean Lotus-Renault 1m31.989s + 1.059

    6. Sergio Perez Sauber-Ferrari 1m32.022s + 1.183

    7. Fernando Alonso Ferrari 1m32.114s + 1.275

    8. Kimi Raikkonen Lotus-Renault 1m32.208s + 1.369

    9. Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 1m32.327s + 1.488

    10. Nico Hulkenberg Force India-Mercedes senza tempo *

    Q2 cut-off time: 1m32.272s

    11. Felipe Massa Ferrari 1m32.293s + 0.792

    12. Paul di Resta Force India-Mercedes 1m32.327s + 0.826

    13. Michael Schumacher Mercedes 1m32.469s + 0.968 **

    14. Pastor Maldonado Williams-Renault 1m32.512s + 1.011

    15. Nico Rosberg Mercedes 1m32.625s + 1.124

    16. Daniel Ricciardo Toro Rosso-Ferrari 1m32.954s + 1.453

    17. Jean-Eric Vergne Toro Rosso-Ferrari 1m33.368s + 1.867

    Q1 cut-off time: 1m33.370s

    18. Bruno Senna Williams-Renault 1m33.405s + 1.376 **

    19. Heikki Kovalainen Caterham-Renault 1m34.657s + 2.628

    20. Timo Glock Marussia-Cosworth 1m35.213s + 3.184

    21. Pedro de la Rosa HRT-Cosworth 1m35.385s + 3.356

    22. Charles Pic Marussia-Cosworth 1m35.429s + 3.400

    23. Vitaly Petrov Caterham-Renault 1m35.432s + 3.403

    24. Narain Karthikeyan HRT-Cosworth 1m36.734s + 4.705

    ** = -10 posizioni

    *= – 5 posizioni