GP Giappone F1 2014, qualifiche: Rosberg in pole, Alonso quinto [FOTO]

A Suzuka la griglia di partenza del Gran premio del Giappone 2014 vede Rosberg prendersi la pole

da , il

    Nico Rosberg risponde con i fatti alle battute a vuoto registrate nelle ultime gare. La pole position nelle qualifiche del Gran premio del Giappone è sua, con quasi 2 decimi su Hamilton, mai in grado di impensierirlo in Q3. La seconda fila è tutta Williams, con Bottas davanti a Massa, poi c’è un Fernando Alonso che va al solito suo oltre la macchina e per un po’ illude in Q1 di poter rubare la quarta posizione a Massa. Tra Fernando e Raikkonen ci sono otto decimi: dicono tutto. Le Red Bull mancano all’appello, con Ricciardo appena sesto e Vettel nono, forse proiettati verso una gara bagnata e con qualche dettaglio sull’assetto rivolto principalmente alla domenica. Magnussen e Button completano la top ten, rispettivamente settimo e ottavo.

    a cura di: @fabianopolimeni

    CLASSIFICA QUALIFICHE GP GIAPPONE F1 2014

    7:59 – Vettel migliora il suo parziale nel primo settore, ma ancora meglio fa Ricciardo, già 2 decimi più rapido del compagno di team. Bene anche Bottas, ma non così come nel tentativo precedente, al pari di Massa. Raikkonen è lento, solo 34.0, che va raffrontato con il 32.9 di Rosberg, vicino al record assoluto. Alonso fa 33.5 e non migliora, cosa che invece riesce a Hamilton: 32.985.

    Nel tratto centrale vanno forte le Williams, Rosberg marca il nuovo record con 41.484, completato da 18.038 sul traguardo e mette in cassaforte la pole position! Hamilton non è sugli stessi livelli nel T2. Pole di Rosberg!! Due decimi su Hamilton, poi Bottas, Massa, Alonso, Ricciardo, Magnussen, Button, Vettel e Raikkonen

    7:57 - Via all’ultimo run. Tutti in pista, anche Raikkonen. Vettel e RIcciardo saranno i primi a darci dei tempi

    | VETTEL ANNUNCIA L’ADDIO ALLA RED BULL |

    7:55 – Dovrà sudare parecchio Hamilton per prendersi la pole: 3 decimi da Rosberg non sono pochi. Ancora superlativa la prova di Alonso, a 1.2 secondi comunque dalla pole. Vettel prende 2 decimi da Ricciardo, Button, altrettanti da Magnussen, buon sesto.

    7:51 – Record personale di Bottas, 33.227 nel T1, a 2 decimi dal riferimento di Hamilton. Massa si conferma più lento, ma attenzione a Rosberg, con 32.914 segna il nuovo riferimento assoluto. Sul traguardo la Williams migliore è quella di Bottas, con 33.3, davanti a Massa di 2 decimi. Rosberg, intanto, fa 41.6 nel T2 e Hamilton resta dietro, almeno nel primo settore. Chiude in 1.32.629 Nico, decisamente più veloce del compagno di team, che si ferma a quasi 3 decimi!

    Alons è quinto a tre decimi dalla quarta posizione di Massa. Poi seguono Magnussen, Ricciardo, Button e Vettel. Ancora fermo Raikkonen, farà un solo tentativo dopo aver sprecato un set di medie in Q1.

    7:49 – Tutti in pista, gli ultimi a uscire sono Vettel e Raikkonen

    7:48 – Ancora Bottas è il primo a inaugurare la pista: via alla Q3, si decide la pole

    7:45 - Bottas nel suo secondo run si è avvicinato ai tempi di Rosberg, riducendo il gap a 5 decimi. Quanto alle Red Bull, l’unica spiegazione del loro ritardo è da ricercare in un assetto più orientato verso il bagnato di quanto non abbiano fatto gli altri, specialmente sull’incidenza delle ali.

    Cronaca Q2

    Eliminati Vergne, Perez, Kvyat, Hulkenberg, Sutil e Gutierrez

    7:41 – Si lancia Bottas, autore di 33.3 nel T1, meglio di Massa, con 33.4 e Vettel, lento e solo a 33.8. Alonso è allineato al parziale del finlandese, che fa 42.0 nel settore centrale, 56 millesimi più lento però di Massa. Sul traguardo, Bottas chiude in 33.443, Massa in 33.551 e scavalca Alonso, che migliora (33.675) ma perde la posizione. Ricciardo e Vettel riescono a tornare nella top ten, settimo Daniel, nono Sebastian, separati da tre decimi. Button è ottavo, con 34.648: Raikkonen è nono, basta il 34.771 per andare in Q3.

    7:36 - Nonostante la terza e quinta piazza, tornano in pista Bottas e Massa, seguiti da Vettel e Ricciardo, poi Magnussen, Alonso e Sutil

    7:35 – Tutti ai box. Vettel e Ricciardo devono trovare 1 decimo circa (almeno), per entrare in Q3.

    7:32 - Grandi difficoltà in Red Bull, faticheranno a passare la Q2. Vettel è nono, Ricciardo decimo. Magnussen, invece, va forte e chiude sesto, con Button ottavo: potrebbero essere loro la sorpresa del week end. Kvuat e Perez mettono fuori le Red Bull dalla top ten. Perez 35.0, Kvyat 3 millesimi peggio.

    7:29 – Bottas va forte nel primo settore, dà 2 decimi e mezzo a Massa, prima che Rosberg stampi un 33.1 monstre e Hamilton faccia ancora meglio con 33.0

    Raikkonen è sui tempi di Bottas nel T2, pur rimediando 2 decimi, tutt’altro pianeta Rosberg con 41.7: il tedesco fa meglio di Hamilton, riprendendosi quasi un decimo. Vedremo il T3, che vale 18.039 per RObberg e 18.061 per Hamilton: prima posizione di Nico, con 1.32.950, 32 millesimi più rapido di Lewis.

    Bottas è terzo, a 9 decimi, Alonso quarto a oltre 1 secondo ma appena 2 decimi dal finlandese della Williams e con 54 millesimi di vantaggio su Massa. Raikkonen poi è sesto ma a 8 decimi da Alonso.

    7:25 – Inizia la Q2. Perez, Sutil e Bottas i primi a scendere in pista, con le medie. Poi tocca a Massa, Raikkonen e Rosberg, tutti con le stesse gomme.

    7:25 – Dopo la Q1, due dati interessanti. Il primo, Hamilton è riuscito immediatamente a fare il tempo, dopo i problemi nelle libere del mattino; il secondo, Fernando Alonso: dà mezzo secondo a Raikkonen nonostante le gomme dure e rischia di insidiare la quarta posizione di Massa. Dovesse portare a casa la seconda fila, sarebbe un biglietto d’addio per Maranello da ricordare…

    Cronaca Q1

    7:20 – Gutierrez fa il 12mo tempo e mette nei guai Grosjean, primo eliminato! Maldonado è 16mo, ma c’è Sutil che migliora. Infatti, le due Sauber estromettono le due Lotus! Fuori Maldonado, Grosjean, Ericsson, Bianchi, Kobayashi e Chilton. Vettel e Ricciardo hanno chiuso 14mo e 15mo.

    7:15 – Migliorano tutti. Hulkenberg scala fino alla settima posizione, Vergne Kvyat sono 10mo e 11mo, scavalcati da Raikkonen che fa 34.9, a mezzo secondo da Alonso nonostante le medie. Ricciardo è fermo ai box come Vettel e sono precipitati in 13ma e 14ma posizione. Hanno 7 decimi su Gutierrez e Sutil, i primi eliminati, ma il loro tempo è già sulla mescola più prestazionale.

    7:13 - Anche Raikkonen, come anticipato, è costretto a un altro giro e lo fa con le medie.

    7:11 – Sono tutti ai box i primi 19 piloti. Escono ora Hulkenberg, Kvyat, Maldonado e Grosjean con le gomme medie, così come Perez.

    7:09 – Il tempo di Raikkonen potrebbe non bastare, con 1.35.7 è a rischio pur essendo 11mo, perché le gomme medie possono riportare davanti le Toro Rosso e Force India. Vettel precede Ricciardo, ma siamo pur sempre sul 35.517. Bene le due McLaren, Magnussen sesto, Button settimo. Errore di Hulkenberg, invece, alla Spoon Curve, blocca in entrata e va largo a centro curva.

    7:06 – Hamilton fa 33.4 nel T1, rifila 25 millesimi a Rosberg, che recupera parzialmente nel settore centrale. Stamane, niente giro veloce per l’inglese, andato a sbattere. Chiude in 1.33.611, davanti a ROsberg con 1.33.671. Bottas è terzo, a 7 decimi e con 182 millesimi di vantaggio su Massa. Raikkonen è sesto, dietro Vergne. Sta arrivando ora Alonso, mezzo secondo di ritardo nel T1, altri 4 decimi abbonanti rimediati nel T2: termina in quinta posizione, con 1.34.497, a un nulla da Massa.

    7:03 – Anche Alonso, Massa, Bottas, Rosberg e Hamilton in azione.

    7:01 - Nove piloti subito in pista, con Chilton, Bianchi e Kobayashi direttamente su gomme medie, che assicurano un delta di prestazione superiore al secondo delle dure.

    7:00 – Via alle qualifiche del Gran premio del Giappone! Parte la Q1. Diciotto minuti per qualificarsi alla seconda eliminatoria.

    «C’era qualcosa che non funzionava ieri, abbiamo capito il problema e la macchina è tornata quella che doveva», spiega Massa.

    6:53 – Guardando al meteo, saranno qualifiche sull’asciutto, con una temperatura di 39° C sull’asfalto. Il vento è diminuito nell’intensità rispetto alle prove libere 3.

    6:50 - «La Mercedes è un po’ troppo lontana, credo che potremo combattere per la seconda fila: sarà positivo se riusciremo a metterci entrambe le macchine», dice Bottas, stamane alle spalle di Massa

    6:45 - Pensando alla gara, quasi certamente sarà sul bagnato, mentre nell’eventualità di una corsa asciutta, la tattica vincente dovrebbe essere su due soste

    6:41 - In Mercedes si lavora ancora alla macchina di Hamilton, danneggiata dopo l’incidente delle libere 3. Ricordiamo, invece, che Vergne e Raikkonen hanno sostituito il motore, ma non incorreranno in penalità, quella afflitta a Pastor Maldonado, giunto alla sesta power unit.

    6:25 - Restiamo in tema mercato e prospettiamo alcuni degli scenari possibili per Fernando Alonso. Per lui ci sarebbe l’alternativa ricca di soldi ma anche di incognite tecniche della McLaren-Honda: la presenza dei giapponesi non garantisce un bel nulla dal punto di vista prestazionale, tanto più guardando l’ultima esperienza in Formula 1 per il marchio. Un’alternativa potrebbe essere quella di fermarsi un anno, aspettando gli sviluppi 2016 e puntando a un sedile Mercedes, quella Mercedes che ha confermato Hamilton e smentisce ogni voce di possibile divorzio dall’inglese. Ultima strada, paventata da Gene, il fascino di una sfida a Le Mans, aspettando sempre una stagione.

    Può fermarsi Alonso a 34 anni? Difficilmente. Ecco, quindi, l’opzione forzata della McLaren.

    6:00 - Appassionati di Formula 1, buongiorno. E’ un’alba ricca di eventi, quella del Gran premio del Giappone 2014. Tra un’ora seguiremo le qualifiche in diretta, ma è inevitabile che sia il mercato e l’addio di Vettel alla Red Bull a tenere banco. Helmut Marko ha rivelato la presenza di una clausola a favore del tedesco per andar via, senza rompere il contratto in vigore.