GP Giappone F1 2016: Mercedes festeggia il titolo, Rosberg: “Continuo così, gara per gara”

Due macchine a podio regalano il terzo titolo Costruttori. Nico allunga nettamente su Hamilton

da , il

    GP Giappone F1 2016: Mercedes festeggia il titolo, Rosberg: “Continuo così, gara per gara”

    E’ già tempo di festeggiare in casa Mercedes. Con il risultato del Gran Premio del Giappone, la casa tedesca conquista il terzo titolo mondiale Costruttori, certificazione di un dominio assoluto. Arriva al termine di una gara tranquilla per Nico Rosberg, mai impensierito nella sua leadership né da Verstappen né da altri. Inquadrature limitate al minimo indispensabile, e Nico si vede in tv al via e all’arrivo, essenzialmente. Chi ha avuto una gara molto più travagliata è Lewis Hamilton. Le speranze di confermarsi campione a fine anno si riducono al lumicino. Se dopo Sepang “bastava” vincere tutte le gare restanti, indipendentemente dal risultato di Rosberg, adesso servirà un aiuto ulteriore, perché al tedesco bastano tre secondi posti e un terzo per l’iride, pur con quattro eventuali successi di Lewis.

    «Sono molto felice, dopo la Malesia e il disastro con il motore, oggi abbiamo vinto, grazie a tutti a chi lavora in Inghilterra, sono 1.200 persone e hanno fatto un lavoro incredibile. Nel 2017 tutto potrà cambiare, quando sei il primo e continui con stabilità regolamentare è tutto molto più facile», commenta Niki Lauda sulla conquista del titolo. Guardando alla corsa di Suzuka, al via imperfetto di Hamilton, aggiunge: «In partenza è stata colpa di Lewis, peccato. Ci sono 33 punti, sono tanti e quando hai un altro con la stessa velocità e macchina, è impossibile passare e vincere il campionato se non succede niente di strano. Nico è stato molto più aggressivo quest’anno e adesso è uguale a Lewis, qui il cambiamento. Lui proverà comunque a vincere, non c’è dubbio, però se anche Nico arriva sempre secondo, il campionato sarà suo».

    GP Giappone: Rosberg trionfa e si avvicina al titolo| Vettel: “Non aveva senso seguire la strategia di Verstappen”

    Errore del pilota nello stacco frizione, problema confermato anche da Hamilton. Subito, via radio, con un laconico «I’m sorry», poi a fine gara: «Congratulazioni al team, sono orgoglioso di farne parte. Ho fatto del mio meglio dopo la partenza, sono contento dei punti ottenuti. Darò tutto quel che ho nelle prossime gare, come oggi, vedremo cosa accadrà.

    Non credo che l’umido abbia avuto a che fare con la mia partenza, semplicemente ho fatto un errore e avuto tanto pattinamento. E’ stato difficile recuperare, ho fatto del mio meglio. Avevo un buon passo nella seconda metà di gara, la macchina ha dato sensazioni migliori, avuto un buon ritmo e fatto tanti sorpassi, ho chiuso il divario ma non ce l’ho fatta a prendere il secondo posto. Il margine che ha Nico è di comodità, non ha avuto nessun problema, congratulazioni a lui e al team».

    E’ stato un week end complesso per la Mercedes, perché reduci dal cedimento della power unit in Malesia. Non l’hanno utilizzata come di consueto e anche questo è un dettaglio che spiega perché gli avversari siano stati più vicini del solito in qualifica e gara: «Mancava un po’ di potenza per i entrambi i piloti, la modalità d’uso era diversa dalla Malesia, uguale per entrambi i piloti ma inferiore», dice Toto Wolff. Poi, commenta anche la resistenza di Verstappen su Hamilton al penultimo giro: «I movimenti in frenata sono un po’ pericolosi, sono sicuro che continuando così avremo un incidente. Abbiamo parlato con la FIA per osservare la situazione, se guardiamo quest’incidente e quello di Nico con Raikkonen in Malesia, non capisco perché non prendano provvedimenti per questo».

    Infine, le parole di chi, più di tutti, è sereno e sa di avere quest’anno tutto quel che serve per centrare il risultato più importante: «Un week end fantastico, è andato benissimo. E’ bello vincere su questa pista leggendaria, congratulazioni a tutto il team per aver vinto il terzo titolo Costruttori, un risultato molto molto importante, che festeggeremo stasera. Mi sono sentito bene sin dall’inizio del week end, il compagno è sempre Lewis e sarà una lotta, proverà di tutto nel finale, io continuo così, provo a vincere le gare, guardo week end per week end. Provo a non pensar troppo, sta andando bene così e continuo su questa linea», spiega Nico Rosberg.