GP Giappone F1 2016, Vettel: “Non aveva senso seguire la strategia di Verstappen”

GP Giappone F1 2016, Vettel: “Non aveva senso seguire la strategia di Verstappen”

Il podio è stato perso per la scelta di stare in pista e non seguire la Red Bull, ma Hamilton ne ha approfittato

da in Circuito Suzuka F1, Ferrari F1, Formula 1 2017, GP Giappone F1, Interviste Piloti F1, Sebastian Vettel
Ultimo aggiornamento:
    GP Giappone F1 2016, Vettel: “Non aveva senso seguire la strategia di Verstappen”

    C’è amarezza per il risultato della Ferrari nel Gran Premio del Giappone 2016. Vettel e Raikkonen meritavano più della quarta e quinta posizione ottenuta. Due penalizzazioni hanno azzoppato le ambizioni dei ferraristi: Vettel per l’incidente causato in Malesia, lo sfortunato Raikkonen per aver dovuto sostituire il cambio dopo le qualifiche, incappando in 5 posizioni di arretramento. Dalla terza “sul campo” all’ottava. Tutto più difficile. E guardando la velocità di Verstappen, raffrontandola con quella di Seb e Kimi, allora sul podio sarebbero potuti starci loro. Per come si è evoluta la gara, Vettel ha avuto la chance di stare davanti a Hamilton, ma dal muretto si è scelto di puntare su gomme morbide per l’ultimo stint, sperando di avere il vantaggio buono ad attaccare in pista Lewis. Sbagliato, perché con gomma dura montata prima, la Mercedes ha tenuto bene la terza posizione, creando gap e andando a insidiare Verstappen. La consolazione è nell’aver trovato una Ferrari a sorpresa competitiva, su un circuito completo e alla vigilia ritenuto ostico.

    «Mi sarebbe piaciuto moltissimo essere sul podio, eravamo il lotta per il secondo posto per gran parte della gara, poi abbiamo deciso di andare più lunghi, speravamo che le soft fossero più veloci e durassero di più, ma è una scelta che ci ha fatto perdere tantissimo. Col senno di poi tutti avranno un’opinione, ma col muretto eravamo d’accordo, abbiamo deciso insieme, eravamo un po’ più veloci e ci stavamo avvicinando a Max, poi nel traffico ero vicino per l’undercut quando lui è andato ai box, non aveva senso seguire la sua strategia, non ci sarebbe stata la possibilità di passare. Abbiamo deciso di stare fuori, azzardare ma siamo stati sfortunati con il traffico; se guardiamo il divario, abbiamo faticato un po’, col senno di poi avremmo potuto far meglio.
    Ci sono molti aspetti positivi da questa gara, tanti hanno parlato male di noi prima di questa gara, alcuni discorsi erano giustificati, altri meno, sono riuscito a recuperare nei primi giri e oggi saremmo potuti essere entrambi sul podio»
    , l’analisi di Vettel.

    GP Giappone: Rosberg trionfa e si avvicina al titolo

    Si è chiuso solo con un quinto posto il gran premio di Raikkonen, che raccoglie troppo poco per quello che ha mostrato in qualifica e anche sui 53 giri di corsa: «Sono partito abbastanza bene, anche se poi è mancato lo spazio per passare e sono rimasto bloccato dietro diverse macchine. Nell’insieme la macchina è andata bene, certo sono deluso la vettura era buona e se avessi potuto correre davanti sarebbe stato meglio». Sulla sostituzione del cambio: «Non posso farci nulla, non è stato ideale».

    495

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Circuito Suzuka F1Ferrari F1Formula 1 2017GP Giappone F1Interviste Piloti F1Sebastian Vettel
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI