GP Giappone F1 2017, libere Ferrari. Vettel e Raikkonen iniziano bene a Suzuka

Commenti dei piloti positivi sul comportamento della Ferrari SF70H nelle prove libere 1 del Gran Premio del Giappone 2017

da , il

    GP Giappone F1 2017, libere Ferrari. Vettel e Raikkonen iniziano bene a Suzuka

    Novanta minuti buoni per leggere lo stato di forma Ferrari nelle prove libere del Gran premio del Giappone F1 2017. Al mattino le due SF70H si sono ben comportante, iniziando il lavoro con un treno di gomme morbide, utilizzandone un secondo (nuovo), per poi passare al giro veloce su gomma supersoft. E se già con gomma soft Vettel ha eguagliato il tempo di Hamilton sulla supersoft, una volta passato alla gomma rossa è riuscito a prendersi la miglior prestazione, con due settori record e un T3 nel quale avrebbe potuto limare ancora qualcosa, non fosse stato per un po’ di traffico.

    Il giro veloce a Suzuka è arrivato alla ripresa dopo l’esposizione della bandiera rossa per l’incidente di Carlos Sainz, momento esatto in cui Vettel era uscito dal box con la gomma nuova. Così, un giro “sprecato” e qualche centesimo perso da mettere in conto. Raikkonen paga un distacco superiore ai 4 decimi, ma è stato in simulazione del passo gara, sebbene appena abbozzato, che le Ferrari hanno confermato la competitività assoluta. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Giappone F1 2017 con risultati e classifica.

    La speranza è che la qualifica si disputi sull’asciutto, per contendere la pole position alla Mercedes e tenere Red Bull dietro, RB13 in grado, sul bagnato, di avvicinarsi maggiormente e anche star davanti. In gara, poi, con temperature dell’asfalto attese in salita, il vantaggio Ferrari su Mercedes potrebbe amplificarsi.

    «E’ stata una mattinata discreta, abbiamo cercato di fare parecchie cose, è stato positivo poter girare e avere una prima sensazione, la macchina si è comportata bene sin dall’inizio, al pomeriggio ci aspettavamo sarebbe stato bagnato, avremmo voluto girare di più ma conoscete la situazione delle gomme. E’ andata così, è lo stesso per tutti», commenta Vettel. Con i treni di intermedie (4) e full wet (3) contingentati, in caso di sabato bagnato i team preferiscono salvaguardare un treno di gomme da bagnato estremo. Niki Lauda ha indicato la Ferrari quale miglior macchina di questo finale di stagione, Sebastian aggiunge: «Non so se ho la macchina più forte, i risultati non sono stati i migliori nelle ultime due gare, siamo forti e abbiamo tutti i motivi per essere fiduciosi e sono sicuro che domenica riusciremo a dimostrare cosa possiamo fare. Non so se domani sarà bagnato, la pioggia dovrebbe continuare ancora un po’, se sarà bagnato dovremo migliorare. In Malesia è andata un po’ meglio, spero avremo imparato la lezione, poi dipenderà da noi».

    Soddisfatto delle sensazioni avute dalla Ferrari SF70H al mattino, anche Kimi Raikkonen, autore di 23 tornate come Vettel. E’ mancato il giro veloce allineato alla prestazione del compagno di squadra, visti i 472 ms rimediati. «La macchina è andata piuttosto bene, ci aspettavamo condizioni difficili nelle seconde libere e abbiamo girato un po’ più del previsto al mattino. Ci siamo fatti un’idea e nel complesso non è negativa, anzi, è andata bene. Non so come saranno le qualifiche, vedremo domattina e cosa accadrà durante la giornata. Dovremo fare del nostro meglio quali che siano le condizioni».