GP Giappone F1 2017, qualifiche Ferrari. Vettel: “Vedremo cosa potremo fare al via”

Le qualifiche Ferrari a Suzuka portano Seb in prima fila. Il GP del Giappone F1 2017 si deciderà in partenza. Raikkonen chiamato al recupero, con gomma soft

da , il

    GP Giappone F1 2017, qualifiche Ferrari. Vettel: “Vedremo cosa potremo fare al via”

    Più di 4 decimi, è il divario accusato da Sebastian Vettel nelle qualifiche del GP del Giappone F1 2017. La possibilità di ambire alla pole non c’è mai stata, troppo superiore Hamilton. Così, le speranze di capovolgere il risultato del sabato in gara passeranno dal via anzitutto. Per sfruttare il passo gara visto nelle libere 3, molto competitivo con gomma soft, servirà balzare in testa, poter girare senza nessuno davanti, per non rovinare le gomme ed esprimere il ritmo che la Ferrari SF70H ha dimostrato avere. In un gran premio che si dirige verso una tattica da un solo pit-stop, le possibilità di variare il risultato si riducono al momento dello start.

    Gara completamente diversa quella che si prospetta per Kimi Raikkonen. Partirà decimo, dopo l’applicazione delle penalità: 5 posizioni di arretramento per aver sostituito il cambio dopo il botto al mattino, le 35 che sconterà Alonso, però, lo avanzeranno di una casella rispetto al risultato della qualifica. CLICCA QUI per seguire LIVE in diretta web la gara del GP Giappone F1 2017 con risultati e classifica.

    «La qualifica è stata piuttosto buona onestamente, sono abbastanza soddisfatto, le ho provate tutte. Sapevo di dover prender qualche rischio in più ma non ha funzionato. Sapevo che Valtteri era davanti ma avrei avuto comunque la prima fila. Avevo un buon bilanciamento, ci è mancata un po’ di prestazione, la macchina dovrebbe andare meglio in gara. Nell’ultimo tentativo di Q3 ho provato a fare qualcosa in più, forse più del possibile. Ho corso un rischio ma non ha funzionato. Partirò in prima fila domani e vedremo, di solito sono state partenze buone le nostre, vedremo come andrà. Non so sul passo cosa abbiano fatto loro (Mercedes; ndr), so cosa abbiamo fatto noi. La settimana scorsa non sembravano molto veloci, ora sembrano tornati alla normalità. E’ tutto molto ravvicinato come da tutto l’anno, pensiamo di poter stare insieme a loro, poi vedremo cosa riusciremo a fare in partenza e durante la gara», ha commentato Sebastian.

    Poche parole, invece, per Kimi. E’ mancato il ritmo con la pista, dopo l’uscita nelle libere 3. Macchina pronta in tempo per qualificarsi in Q1, a sessione iniziata. Però, su un tracciato sul quale più giri e più affini le linee ed entri in simbiosi, le tornate che sono mancate all’appello hanno condizionato il risultato. Potrà sfruttare la gomma morbida nella prima parte di gara, purtroppo sarà costretto a farlo nel traffico e questo condizionerà il rendimento. «Non è stato un ottimo inizio di giornata con l’uscita di pista, da lì tutto è diventato più difficile, il team ha fatto un ottimo lavoro nel mettere insieme la macchina ma le sensazioni in qualifica non sono state buone. Avrei voluto girare di più. Viene a mancare il feeling, su un circuito come questo».