GP Gran Bretagna F1 2010: circuito Silverstone

Formula 1: guida essenziale per il Gran Premio di Gran Bretagna di F1 2010

da , il

    Il Gran Premio di Gran Bretagna sul rinnovato circuito di Silverstone, decimo appuntamento della stagione 2010 di Formula 1, rappresenta il perfetto giro di boia di un’annata ancora molto incerta e piena di scontate polemiche. La corsa in terra inglese, su un tracciato che mal si abbina alle caratteristiche della Ferrari F10, ha il compito di dirci in modo chiaro se la lotta per il titolo mondiale sarà un affare tra gli uomini Red Bull e McLaren oppure se potrà inserirsi all’ultimo tuffo anche il ferrarista Fernando Alonso, ultimamente pure bersagliato dalla sfortuna.

    GP GRAN BRETAGNA F1. Dici Silverstone e prendi tutto ciò che è sport a motore. La Formula 1 è nata qui nel 1950 con la prima gara vinta da Nino Farina con l’Alfetta, accoppiata che quell’anno vincerà anche il primo titolo mondiale della massima formula. In un Gran Premio con così tanti anni alle spalle, è normale che la storia sia ricca di momenti importanti. Nel 1951 la Ferrari ottenne la sua prima vittoria con Froilan Gonzalez. Esattamente 28 anni dopo, nel 1979, toccò alla Williams salire per la prima volta sul gradino più alto del podio grazie allo svizzero Clay Regazzoni. Prendendo dal libro dei ricordi altri momenti a caso, citiamo l’edizione del 1973 con la prima volta di un GP interrotto (a causa dell’incidente innescato da Scheckter e che coinvolse metà schieramento); l’edizione del 1977 con il debutto del motore turbo; l’edizione del 1981 con la prima vittoria di una monoposto con scocca in carbonio; l’edizione del 1999 con la frattura alla gamba di Schumacher il quale aveva vinto l’anno prma scontando una penalità dopo aver superato la linea del traguardo.

    CIRCUITO SILVERSTONE. 5,901 km da percorrere 52 volte per una distanza totale di 306,747 km. Le curve sono 18 di cui 10′ a destra e 8 a sinistra. Le mescole portate dalla Bridgestone sono soffici e dure. E’ questa la scheda numerica del nuovo circuito di Silverstone. Un anno fa rischiava di sparire per sempre dal calendario della F1 a favore di Donington ma le difficoltà economiche di quest’ultimo hanno dato l’opportunità a Silverstone di trovare una seconda vita effettuando quei lavori di ammodernamento da tempo richiesti. Non sono cambiate solo le strutture, anche il nastro d’asfalto è stato rivisto con l’aggiunta di una parte guidata, denominata “Arena“, che devia il vecchio percorso dalla curva Abbey alla Luffield. Nella sostanza, il tracciato del Northamptonshire non ha cambiato la sua recente identità: si tratta sempre di una pista con curvoni veloci che mette a dura prova le bontà telaistiche ed aerodinamiche delle monoposto.

    NUMERI E RECORD. Non avendo mai corso sul nuovo layout, non si ha alcun riferimento cronometrico né alcun record sul giro. Il pilota più vincente nel GP di Gran Bretagna è Jim Clark, raggiunto ma non superato in epoca recente da Alain Prost. I due sono a quota 5 successi. Il team con più affermazioni, invece, è la Ferrari (15). Clark è anche il pilota con più pole position (5) e più chilometri in testa. Al leone d’Inghilterra Nigel Mansell, invece, spetta il primato dei giri veloci in gara (7). I piloti saliti più volte sul podio sono Prost e Schumacher a quota 7 mentre la Ferrari comanda tra i team con 48.

    F1 TV SILVERSTONE. Nonostante il fuso orario che vede il Regno Unito viaggiare un’ora indietro rispetto all’Italia, non ci sono variazioni rispetto all’orario classico del GP di Gran Bretagna di Formula 1. Le qualifiche saranno trasmesse da Rai Due sabato alle ore 14.00 mentre la partenza della gara è fissata per le 14.00 di domenica con diretta su Rai Uno.

    METEO SILVERSTONE. Le previsioni meteo su Silverstone si confermano incerte ma non bruttissime. Il cielo sarà nuvoloso o poco nuvoloso con basse possibilità di pioggia da oggi fino a domenica. Il giorno peggiore dovrebbe essere venerdì. Rischio pioggerella leggera anche per sabato mattina.