GP India F1 2012, Ferrari: l’urlo di Alonso “Non mollo”

Formula 1: Fernando Alonso commenta il Gran Premio d'India suo e della Ferrari denotando la solita grande grinta

da , il

    Che partenza, che sorpassi, che grinta. Che Fernando Alonso! Il pilota della Ferrari furoreggia nel Gran Premio d’India di Formula 1 2012 e riesce a ribaltare una situazione che, al via, era da depressione nera. “Attualmente non è facile per me contrastare la Red Bull. Ma oggi abbiamo dimostrato che non vogliamo mollare mai”, ha dichiarato nella conferenza stampa post-gara. “Mi congratulo con loro e con Sebastian – ha proseguito – ma vogliamo anche noi essere felici come lo sono loro adesso. Speriamo di esserlo in Brasile”. Il secondo posto dietro a Vettel era oggettivamente il massimo auspicabile:“Non eravamo sufficientemente competitivi per vincere. Arrivare secondi significa aver perso il minimo possibile. Siamo stati veloci sul rettilineo ma ci manca ancora un po’ di grip sulle curve. Speriamo che arrivi nelle prossime corse - ha concluso l’asturiano – Devo ringraziare il team per la macchina che mi ha dato e per la buona velocità di punta che mi ha consentito di fare molti sorpassi”.

    Ferrari, Domenicali: “Molleremo solo con la matematica”

    La Ferrari F2012 è così: proprio quando pensi che sia da buttare, riesce a tirare fuori una prestazione che dà ancora speranza. “Noi molleremo solo quando la matematica ci dirà il contrario – ha dichiarato un Domenicali rinfrancato dal secondo posto di AlonsoQuello che è successo oggi dimostra che il peso delle due gare in cui Fernando è strato buttato fuori è pesante. Noi, comunque, continuiamo a spingere ed a fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità”.

    Ferrari, Fry: “Ampi margini di miglioramento in qualifica”

    In linea con il pensiero di Alonso e Domenicali è quello del direttore tecnico Pat Fry:“Siamo partiti quinti e arrivati secondi che rappresenta il massimo che potevamo aspettarci. Abbiamo fatto un buona partenza sfruttando il primo giro. C’era solo un pit stop da effettuare per cui non potevamo fare miracoli con la strategia”. Il britannico trova spunti di riflessione per cercare di fare nuovi salti di qualità con le prestazioni della F2012:“Adesso dobbiamo guardare avanti sapendo che possiamo migliorare molto in qualifica e su questo stiamo lavorando. Ad Abu Dhabi avremo due aggiornamenti. Poi ne introdurremo altri. Lo faremo costantemente per cercare di ricucire il gap”.

    Felipe Massa: “Condizionato dal carburante”

    Quanto Alonso c’ha messo del suo in India è difficile da valutare guardando, in paragone, la gara di Felipe Massa. Il brasiliano ha dovuto fare i conti con problemi di carburante sin dalle prime fasi della corsa:“Ho battagliato con Raikkonen dall’inizio alla fine ma già dopo 20 giri mi hanno detto che dovevo risparmiare carburante. Non è stato facile ma sono riuscito a tenerlo dietro anche perché lui non aveva una buona velocità di punta. Forse non sarei riuscito a stare davanti alle McLaren per cui sono soddisfatto del risultato”, ha spiegato ai microfoni della RAI.