GP India F1 2012, Ferrari più veloce di 3-4 decimi al giro!

Formula 1: la Ferrari arriva in India con grandi speranze

da , il

    GP India F1 2012, Ferrari: nessuna rivoluzione per battere la Red Bull

    La Ferrari è ben consapevole di essere arrivata ad un punto di non ritorno nella stagione 2012 di Formula 1. Ora è Sebastian Vettel il leader del mondiale. Fernando Alonso deve recuperare punti su di lui pur avendo una monoposto nettamente inferiore alla Red Bull. Chi si aspetta follie tecniche da parte della scuderia italiana nel disperato tentativo di recuperare il gap prestazionale dagli austriaci, però, resterà deluso. Come abbiamo già anticipato nei giorni scorsi, sulla Ferrari arriveranno in India molte novità tecniche ma, stando a quanto riportato dal collaudatore Marc Gene, non ci sarà nessuna rivoluzione. La migliore stima è comunque incoraggiante: si parla di un abbassamento dei tempi sul giro fino a 4 decimi.

    Ferrari: miglioramento fino a 4 decimi al giro

    In Ferrari ci credono. C’è una strana consapevolezza di forza che porta i tecnici del Cavallino a non voler strafare. In Corea, ad esempio, i nuovi scarichi sono stati montati in via del tutto sperimentale solo sulla macchina di Felipe Massa. La prestazione del brasiliano in gara li ha promossi a pieni voti. Intervistato dall’agenzia EFE news, Marc Gene ha detto la sua sulle novità tecniche che la Ferrari ha portato in India:“Ci sono molti aggiornamenti ma non sarà una rivoluzione. Speriamo che possa aiutare nella rincorsa al titolo dato che mancano sempre meno gare. Il nostro obiettivo è finire con almeno un punto in più del secondo classificato”. Secondo le entusiastiche stime dei connazionali di Gene, quelli della testata Marca, il vantaggio potenziale che potrebbe avere Fernando Alonso si aggirerebbe attorno ai 3-4 decimi al giro sfruttando, oltre agli scarichi, anche miglioramenti nella zona delle ali e dei diffusori. Più interessante da riportare è il commento del capo progettista Nicholas Tombazis. Il tecnico di origini elleniche ha confermato che molte soluzioni portate in pista nei GP passati non hanno dato i risultati sperati ma ha aggiunto:“Abbiamo eseguito controlli specifici sulle componenti in questione, per capire l’origine del problema. I risultati sono stati molto interessanti, tanto che credo possano aiutarci a recuperare dai problemi avuti in precedenza“. Chi canta fuori dal coro è Niki Lauda. L’austriaco, recentemente entrato ufficialmente all’interno del progetto Mercedes in Formula 1, crede ancora nelle doti di Alonso ma teme che la Red Bull possa nuovamente scappar via:“Hanno anche loro importanti aggiornamenti per l’India. Se dovessero funzionare, sarà dura per Alonso”.

    ferrari india bandiera marina militare italiana f1 2012

    Foto: Ferrari

    Ci sarà un tricolore in più sulle Ferrari di Fernando Alonso e Felipe Massa che parteciperanno al Gran Premio d’India di Formula 1 2012. Sarà una bandiera particolare. E’ quella della Marina Militare. La decisione di apporre questo simbolo nasce dalla volontà di dimostrare solidarietà ai due marò incarcerati in India l’accusa di aver ucciso dei pescatori. La vicenda è complessa e chiama ad un grande impegno le diplomazie dei due Paesi. Oltre a voler rendere omaggio ad una delle eccellenze italiane nel mondo, la speranza – si legge nel comunicato ufficiale diramato da Maranello – è che “le autorità indiane e italiane trovino presto una soluzione per la vicenda che vede coinvolti i due militari della Marina Italiana”.

    GP INDIA F1 2012: FOTO DEL GIOVEDI