GP Malesia F1 2008: il circuito di Sepang

GP Malesia F1 2008: il circuito di Sepang dove si corre dal 1999

da , il

    GP Malesia F1 2008: il circuito di Sepang

    Il GP di Formula 1 della Malesia si correrà anche quest’anno a Sepang, circuito introdotto nel 1999, e primo di una lunga serie di circuiti progettati dall’architetto Herman Tilke. 5,543 Km per 56 giri, 310,408 Km in totale da percorrere in senso orario, su una carreggiata larga, con ben 2 rettilinei molto lunghi e una prima curva mozzafiato. Insomma tutti i numeri per vedere una gran bella gara domenica mattina alle 8:00.

    A livello climatico ci sono pochi dubbi: caldo afoso e piogge torrenziali, specialmente in questo periodo dell’anno.

    Si inizia subito con una curva a spirale che si stringe man mano, seguita da una contro-curva a gomito in cui i piloti avranno del filo da torcere specialmente dopo la partenza. Lunghi curvoni veloci a seguire e, come detto 2 lunghi rettilinei che si traducono in tanto stress per le gomme e per i motori, anche a causa dell’asfalto scuro, molto abrasivo. Le temperature molto alte, poi non facilitano certo il compito dei gommisti e se ci aggiungiamo la mancanza del controllo trazione la “questione gomme” sarà più fondamentale che mai.

    I punti per sorpassare, almeno in teoria, non mancano certo: le staccatone al termine di ognuno dei rettilinei opposti, le 2 curve strette dopo il rettilineo dei box e alla staccata prima della curva 9. Resta comunque un circuito veloce, in cui a fare la differenza saranno soprattutto le prestazioni delle monoposto: Ferrari e McLaren e BMW non avranno certo difficoltà a farsi valere sulle altre vetture.

    In attesa della gara di domenica bisogna ricordare le emozioni che il circuito di Sepang ci ha riservato in passato: nel 2001 Schumacher e Barrichello che rimontano dall’undicesimo posto e segnano una fantastica doppietta, nel 2003 Alonso diventa il pilota più giovane ad ottenere una pole e Raikkonen vince la prima di una lunga serie di gare, senza dimenticare il favoloso rientro di Schumacher copo l’infortunio di Silverstone che condusse una gara magistrale, lasciando vincere Irvine per farlo combattere per il mondiale.

    Comunque, in attesa di nuove emozioni facciamo un giro di pista insieme a Felipe Massa.