GP Malesia F1 2014, Alonso: Ferrari migliore di quella vista a Melbourne [FOTO]

Alonso assicura una Ferrari diversa per il Gran premio di Malesia 2014

da , il

    Malaysian Grand Prix, Sepang ,i preparativi

    Va ammesso senza mezzi termini: Fernando Alonso con il suo quarto posto ha tenuto a galla la Ferrari a Melbourne. Adesso davanti si prospetta una gara decisamente più complessa, completa, esigente e dura: il Gran premio di Malesia 2014 dirà altro, dirà cose nuove sulla competitività della rossa.

    E’ una triste constatazione, però, quella che va fatta, ovvero, l’incapacità di presentarsi pronti e come punto di riferimento assoluto sin dall’avvio del mondiale. Non accade da troppo tempo e sarà il caso di domandarsi il perché. Lo spagnolo professa calma e sangue freddo, giurando che: «Credo possiamo lottare per il campionato. Abbiamo un potenziale superiore a quello visto in Australia, dobbiamo soltanto riuscire a mettere insieme tutti gli elementi e certamente avremo un weekend migliore».

    Partire dall’analisi di cosa non ha funzionato in Australia, quindi. Ma se le indiscrezioni sul motore V6 sono veritiere, nello specifico una presunta pesantezza rispetto agli avversari della power unit e un deficit di potenza, difficilmente si potrà porre rimedio in tempi brevi. Altra cosa, invece, se si pensa all’ottimizzazione dell’assetto, spina nel fianco di Raikkonen e certamente con margini di miglioramento anche per Alonso. Arriveranno nuovi componenti sulla Ferrari F14 T, c’è da augurarsi vadano nella giusta direzione e siano in grado di garantire la velocità che attualmente manca. «Il team ha le capacità e le persone di talento per fare un ottimo lavoro. Possiamo diventare più forti e fare meglio, ne sono certo. Non è stato un avvio perfetto, è sembrata una ripetizione di quanto accaduto negli ultimi anni, ma questa volta le regole sono differenti così come lo sono le potenzialità di sviluppo. Le nostre possibilità di fare bene sono ancora perfettamente intatte», ha spiegato Alonso.

    [sondaggio id="421"]

    A indirizzare lo sviluppo dovranno essere i piloti e ci si attende anche un contributo decisivo da parte di James Allison, chiamato a intervenire su un progetto solo parzialmente suo. Il tecnico inglese ha brillato in Lotus, deve dimostrare di riuscire a tirar fuori le idee geniali anche in un ambiente come quello di Maranello. «Dobbiamo comprendere, in base a come vanno le prossime gare a livello di prestazioni, quanto velocemente sarà necessario sviluppare la vettura - ha continuato Alonso -. In Australia non siamo stati soddisfatti delle nostre prestazioni e abbiamo bisogno di fare uno step di miglioramento il più velocemente possibile».

    Infine, non potevano mancare le valutazioni sullo spettacolo espresso dalla prima gara, andando ad aggiungersi alle voci dei colleghi a Sepang. «Io penso che serva ancora un po’ di tempo per giudicare le gare, lo show e la reazione della gente. C’era stato un gran parlare prima del Gran Premio d’Australia su quanto questa nuova Formula 1 sarebbe stata eccitante e divertente e sul numero di vetture che avrebbero concluso la corsa. C’era chi diceva addirittura zero! Invece le monoposto al traguardo sono state 15, non ci sono stati grossi problemi e nemmeno molti sorpassi. Non credo si sia visto quello che i fan si aspettavano», ha concluso il campione spagnolo.

    Continua la Fanta F1 di Derapate!

    Gp Valencia 2012, la gara

    Dopo l’Australia si va in Malesia per la FantaF1, il tradizionale gioco on line di Derapate.it. Se pensi di poter indovinare chi otterrà la pole e i primi otto classificati di ogni Gran Premio, allora non perdere tempo: farlo è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!