GP Malesia F1 2014, anteprima Sepang: primo circuito vero, occhio alle temperature [VIDEO]

Secondo round del mondiale di Formula 1 a Sepang, dove nel week end va in scena il Gran Premio di Malesia 2014

da , il

    GP Malesia F1 2014, pirelli

    Quanto conta Melbourne? Quanto ritroveremo a Sepang, nel Gran premio di Malesia 2014, di già visto all’Albert Park? Potrebbero essere due domande non così scontate, perché si può derubricare ad antipasto l’Australia, con le sue peculiarità e atipicità all’interno del mondiale di Formula 1. Il circuito cittadino, la pioggia ad alterare alcuni valori in qualifica, insomma, la Malesia che aspetta team e piloti sarà un banco ben più probante di quello inaugurale. Avranno minor peso probabilmente le gomme e il loro degrado termico rispetto al passato, con le mescole dure e medie elette a protagoniste dalla Pirelli. Due o tre pit-stop, questa la strategia attesa in gara, da validare dopo le libere e lo studio del degrado delle coperture.

    Più interessante concentrarsi su un altro aspetto, legato nemmeno a dirlo alla power unit. Il caldo di Sepang, l’umidità, una gara già sulle spalle, sono fattori che potrebbero portare alcuni ad avere qualche patema sull’affidabilità dei V6.

    Le temperature solitamente torride hanno sempre portato al fiorire di aperture e prese d’aria aggiuntive per non mandare arrosto il motore; quest’anno non sarà diverso dal solito e i timori di quanti prospettavano un’ecatombe in Australia, ritiri in massa, potrebbero materializzarsi a Sepang.

    Accantonato l’elemento “durata”, c’è quello della prestazione. Pensare di produrre grosse novità in due settimane è praticamente impossibile, se aggiornamenti tecnici ci saranno, si tratterà di quelli già pianificati dopo i test invernali, da misurare adesso in pista.

    Pensiamo il Gran premio di Malesia 2014 come il primo vero gran premio della stagione. D’accordo l’attenzione spasmodica sui motori, ma la pista disegnata da Tilke riporterà d’attualità anche l’aerodinamica.

    Il giro di pista

    Due rettilinei lunghissimi (1029 metri), si arriva in fondo a quello di partenza ed è un perentorio attaccarsi al pedale del freno per inserire la monoposto nella serpentina destra sinistra, dalla quale riaccelerare rapidamente e scaricare i cavalli senza pattinamenti. La coppia dei V6 sarà critica da gestire in questo frangente e le gomme dure e medie dovranno mordere l’asfalto abrasivo di Sepang senza innescare surriscaldamenti deleteri.

    Altro allungo, da concludere con la frenata alla curva 3: si chiude il T1 e ci si lancia in salita prima di affrontare dopo lo scollinamento la velocissima sinistra-destra che evidenzia magagne delle monoposto alla voce bilanciamento e carico aerodinamico. E’ il tratto da aggredire, seguito da un’altra frenata, meno violenta delle due precedenti, alla quale fanno seguito due pieghe a destra tutte in appoggio.

    Ennesima accelerazione per proiettarsi verso il tornantino a sinistra: staccata brusca, buona per tentare il sorpasso, facendo attenzione a non finire larghi in uscita, dove servirà tutta la trazione disponibile per scaricare il cambio e guardare alla veloce destra da 4^ marcia. Si sfrutta tutto il cordolo in uscita, poi cambio di traiettoria per aggredire la veloce esse che mette alla frusta le doti aerodinamiche della monoposto. Sinistra-destra in pieno, da concludere con una frenata senza riferimenti e lottando con il sottosterzo. Fondamentale tenere la macchina vicina al cordolo, perché poi il lungo rettilineo alle spalle della griglia di partenza penalizza chi sbaglia linea o perde tempo in accelerazione.

    In fondo al dritto, ultima staccata con traiettoria che lascia liberi di interpretare: vicinissimi al cordolo o un paio di metri distanti, possono garantire comunque la linea giusta per tornare sulla linea del traguardo con un tempo importante.

    Riparte il Fanta F1 di Derapate!

    Dopo l’Australia si va in Malesia per la FantaF1, il tradizionale gioco on line di Derapate.it. Se pensi di poter indovinare chi otterrà la pole e i primi otto classificati di ogni Gran Premio, allora non perdere tempo: farlo è semplicissimo, basta cliccare in questo link, mentre il regolamento del gioco, lo trovi qui. Gioca insieme a noi, puoi essere il vincitore dell’edizione 2014 del Fanta F1!